Questo articolo è stato letto 419 volte

Accertamento per la liquidazione dell’ IMU

COME FARE: modelli operativi

imu

Il tributo IMU esordisce nel 2012 con la disposizione dell’articolo 13 del DL 201/2011 sotto forma di imposta municipale propria sperimentale. Novità assoluta di quell’anno fu la presenza della quota stato prevista nel comma11.
In questa sede analizziamo la procedura di recupero dell’imposta non versata alla prescritta scadenza sulla base del dichiarato, termine che nell’IMU va declinato sulla base delle disposizioni di semplificazione in materia di obbligo dichiarativo che comportano l’acquisizione delle inforamazioni sugli immobili direttamente da catasto.
Siamo collocati nell’attività di liquidazione per il recupero di importi non pagati da realizzare mediante l’atto di accertamento previsto nel comma 162 dell’articolo 1 della legge 296/2006.

La riscossione dell’IMU. Partiamo anzitutto dal ricordare che l’IMU è imposta che, alla pari dell’ICI, viene versata in autoliquidazione alle scadenze fissate dal legislatore. Il contribuente ha l’obbligo di provvedere al calcolo e al versamento secondo la modalità obbligatoria della delega di pagamento F24 utilizzando i codici tributo appositamente approvati. In caso di mancato rispetto delle scadenze di versamento, si genera l’inadempimento del debitore, indipendentemente dalle attività di aiuto o supporto compiute dall’ente impositore. Tutte le disposizioni che si leggono negli ultimi tempi sull’invio di modelli di pagamento, riguardano Tari e Tasi. In merito all’IMU nulla è cambiato.

Continua a leggere

Novità editoriale:

tributi_locali_2017I tributi locali nel 2017

di Cristina Carpenedo

Nel 2017 la fiscalità vive un altro capitolo della riscossione pubblica, che abbandona il modello Equitalia per dare spazio alla nuova Agenzia delle Entrate – Riscossione.
Il volume analizza il nuovo attore della riscossione, le modalità di affidamento e il ventaglio di alternative che fanno capo all’ingiunzione fiscale, che rimane strumento di forte interesse per i comuni, maggiormente rispondente ai principi della contabilità armonizzata.

SCOPRI DI PIU'

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>