Questo articolo è stato letto 1.032 volte

Accertamento per la liquidazione TARI

COME FARE: modelli operativi

tarsu-e-applicabile-l-ultima-tariffa-vigente-prima-di-quella-annullata-dal-giudice-amministrativo.bmp

Il tributo TARI istituito con l’articolo 1 della Legge 147/2013, ha mantenuto, così come era accaduto per la Tares, una gestione completamente sganciata dal ruolo, rispetto a quanto accadeva nella Tarsu.
Cosa fare se un contribuente non versa quanto richiesto? I chiarimenti derivati dalle Linee guida sulla Tares e dal relativo prototipo di regolamento hanno contribuito a costruire una procedura di recupero degli importi non pagati che analizzeremo nella presente scheda.

  • Siamo collocati nell’attività di liquidazione per il recupero di importi non pagati da realizzare mediante l’atto di accertamento previsto nel comma 162 dell’articolo 1 della legge 296/2006.
  • La sanzione da applicare è quella prevista dall’13 del d. lgs. 471/97

La riscossione della tassa rifiuti

Partiamo anzitutto dal ricordare che la tarsu era caratterizzata dalla forma di riscossione mediante liquidazione d’ufficio. Una modalità diversa dall’IMU che viene versata in autoliquidazione da parte del contribuente. La legge 147/2013 disciplina nel complicato comma 688 la regola generale sia per la riscossione della Tasi che per la Tari, delineando compiutamente solo per la prima un meccanismo di autoliquidazione. Per la Tari, è l’ente ad avere voce in capitolo mediante le scelte che deve fare nel regolamento del tributo, posto che non ci sono scadenze di legge per il versamento della Tari, ad eccezione del passaggio che ammette il versamento in unica soluzione entro il 16 giugno.  Come  ricordato dalla nota ifel del 15 aprile 2016 (Faq webinar regolamenti), sembra un meccanismo in autoliquidazione che obbligherebbe il comune ad informare e assistere il contribuente, ma che ben può essere mantenuto in liquidazione dell’ente tramite apposita norma regolamentare.

Cosa accade con la Tares e con la Tari?
Partiamo anzitutto dal fatto che prima la Tares e poi la Tari sono state scritte con una disciplina che non parla di liquidazione dell’ente ma si limita a dire che l’ente invia il modello di pagamento precompilato.

Continua a leggere

Per maggiori approfondimenti consulta lo SPECIALE

Novità editoriale:

tributi_locali_2017I tributi locali nel 2017

di Cristina Carpenedo

Nel 2017 la fiscalità vive un altro capitolo della riscossione pubblica, che abbandona il modello Equitalia per dare spazio alla nuova Agenzia delle Entrate – Riscossione.
Il volume analizza il nuovo attore della riscossione, le modalità di affidamento e il ventaglio di alternative che fanno capo all’ingiunzione fiscale, che rimane strumento di forte interesse per i comuni, maggiormente rispondente ai principi della contabilità armonizzata.

SCOPRI DI PIU'

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>