Questo articolo è stato letto 389 volte

ATER quota stato IMU 2012

Il Caso di C. Carpenedo

imu

L’ufficio tributi ha emesso avviso di accertamento IMU anno 2012 per l’Istituto autonomo case popolari, considerando l’aliquota ordinaria del Comune (8,60 per mille) e la detrazione di euro 200,00 per gli immobili occupati (circolare n. 3/DF del maggio 2012 del Ministero delle Finanze). L’Istituto contesta l’accertamento dicendo che, con la conversione in Legge n. 44 del 26 aprile 2012 del Decreto Legge 2 marzo 2012, n. 16, si è arrivati alla versione definitiva dell’art. 13 del D. L. 6 dicembre 2011 n. 201, per effetto del quale lo Stato rinuncia alla quota di sua competenza e cioè il 3,8 per mille.
Si richiede parere in merito all’interpretazione corretta da seguire per il versamento dell’imposta IMU per effetto della normativa vigente.

Il tema è complesso e ci riporta alle numerose vicende normative dell’articolo 13 del DL 201/2011 e che hanno riguardato anche l’edilizia residenziale pubblica, trattata nel comma 10, con rinvio alla fattispecie indicata nella disciplina ICI all’articolo 8 comma 4 d lgs 504/92
4. Le disposizioni di cui al presente articolo si applicano anche alle unità immobiliari, appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale dei soci assegnatari, nonché agli alloggi regolarmente assegnati dagli Istituti autonomi per le case popolari“.

Continua a leggere la risposta

Consulta la RUBRICA di UfficioTributi con
TUTTI I CASI RISOLTI

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>