Questo articolo è stato letto 158 volte

Cassazione su accertamento con adesione

accertamento

Corte di Cassazione 16/3/2016 n. 5138

Una volta concluso l’accodo, l’accertamento definito con adesione diventa intoccabile, tanto da parte del contribuente, che non può più impugnarlo, quanto da parte dell’ufficio, che non può integrarlo o modificarlo, come prescrive l’art. 2, comma 3 del d.lgs. 19 giugno 1997, n. 218, salve le eccezioni stabilite dal successivo comma 4. Con il perfezionamento della definizione concordata, ottenuta mediante il versamento della prima rata e la prestazione di garanzia per quelle successive, l’atto impositivo ha perso la sua efficacia. Perciò, una volta definito l’accertamento con adesione, mediante la fissazione anche del “quantum debeatur”, alla parte contribuente non resta che eseguire l’accordo, versando quanto da esso risulta, essendo per legge esclusa la possibilità d’impugnare l’accordo stesso (conf. Cass. n. 18962/2005 e n. 10086/2009, nonché a “contrariis” n. 15170/2006). Resta, dunque, esclusa ogni possibilità di ripensamento del contribuente dopo la definizione del contesto tributario mediante adesione, in qualsiasi forma esso sia manifestato ivi compresa la proposizione al fisco di una domanda di restituzione di somme.

Il contenzioso in materia di tributi locali

di Maurizio Lovisetti

Questo volume esamina, nella prima parte, la nuova disciplina del processo tributario, come risultante dalle ultime modifiche apportate, entrate in vigore, salvo eccezioni, dal 1° gennaio 2016, ed è specificamente mirato alla gestione dei contenziosi che riguardano i tributi locali.

La seconda parte illustra un ipotetico processo attraverso lo svolgimento degli atti delle parti e dell’organo giurisdizionale, mettendo in pratica le nozioni teoriche della prima parte, puntualmente richiamate da specifici riferimenti.

IN OMAGGIO L’ACCESSO GRATUITO AL CORSO ON LINE “La riforma del contenzioso tributario” a cura di Maurizio Lovisetti

» Acquista Subito

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>