Questo articolo è stato letto 25 volte

Come fare il Regolamento delle entrate tributarie. Contenuti obbligatori (Seconda Parte)

COME FARE: modelli operativi

entrate tributarie

Le modifiche all’accertamento con adesione
L’istituto dell’accertamento con adesione è disciplinato dal decreto legislativo 19 giugno 1997, n. 218 per i tributi amministrati dall’Agenzia delle Entrate. In via del tutto facoltativa, può essere introdotto dai comuni per i propri tributi mediante il ricorso alla potestà regolamentare che deve recepire l’istituto, anche con forme di adeguamento alla fiscalità locale. Per queste ragioni esistono comuni che lo applicano ed altri no.  Da questo punto di vista nulla è cambiato. Le modifiche che hanno riguardato l’accertamento con adesione intervengono su alcuni aspetti procedurali della norma.
La norma che ne consente l’utilizzo è l’articolo 50 della Legge 449/97, da applicare ai sensi dell’articolo 52 del d lgs 446/97.
Nell’esercizio della potestà regolamentare prevista in materia di  disciplina delle   proprie  entrate, anche tributarie, le province ed i comuni  possono prevedere specifiche disposizioni volte a semplificare e  razionalizzare il   procedimento di accertamento, anche al fine di ridurre gli adempimenti dei    contribuenti    e    potenziare  l’attività di controllo  sostanziale, introducendo    l’istituto    dell’accertamento  con adesione del  contribuente, sulla   base   dei  criteri stabiliti dal decreto legislativo 19  giugno 1997,   n.218,   nonché la possibilità di riduzione delle sanzioni in  conformità con   i principi desumibili dall’articolo 3, comma 133, lettera b,  della legge 23 dicembre 1996, n. 662, in quanto compatibili.
Il ricorso all’accertamento con adesione presuppone l’esistenza di materia concordabile, di elementi suscettibili di apprezzamento valutativo. Esulano pertanto dal campo di applicazione dell’istituto le questioni di diritto e tutte le fattispecie nelle quali l’obbligazione tributaria è determinabile sulla base di elementi certi, determinati o obiettivamente determinabili (atti di liquidazione).

Continua a leggere per SCARICARE il modello di REGOLAMENTO

Leggi anche la Prima Parte: Come fare il Regolamento delle entrate tributarie. Contenuti obbligatori (Prima Parte)

Novità editoriale:

tributi_locali_2017I tributi locali nel 2017

di Cristina Carpenedo

Nel 2017 la fiscalità vive un altro capitolo della riscossione pubblica, che abbandona il modello Equitalia per dare spazio alla nuova Agenzia delle Entrate – Riscossione.
Il volume analizza il nuovo attore della riscossione, le modalità di affidamento e il ventaglio di alternative che fanno capo all’ingiunzione fiscale, che rimane strumento di forte interesse per i comuni, maggiormente rispondente ai principi della contabilità armonizzata.

SCOPRI DI PIU'

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>