Questo articolo è stato letto 47 volte

Corte di Cassazione: valori immobiliari da motivare

avviso-di-accertamento

Nella rideterminazione dei valori immobiliari, gli atti richiamati devono essere acclusi o riprodotti nel loro contenuto essenziale, a pena di nullità, nell’avviso di accertamento e tale inefficacia non può essere “riparata” durante le fasi del giudizio.
A questa conclusione è giunta la quinta sezione della Corte di Cassazione con la sentenza n. 17510/2017  pronunciandosi su un ricorso che coinvolgeva l’Agenzia delle Entrate. Dalla pronuncia emerge l’importanza di rispettare l’obbligo di allegazione o la motivazione per relationem riproducendo il contenuto essenziale.

LEGGI LA SENTENZA della Corte di Cassazione, n. 17510/2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>