Questo articolo è stato letto 30 volte

Definizione agevolata, comunicazione somme dovute entro il 15 giugno

definizione agevolata

Tutti coloro che entro il 21 aprile 2017 hanno aderito alla definizione agevolata, riceveranno entro il 15 giugno per ciascuna richiesta presentata, la comunicazione di Equitalia con l’ammontare complessivo delle somme dovute, così come previsto dal decreto legge n. 193/2016, convertito con modificazioni dalla Legge n. 225/2016.

A partire dal prossimo 16 giugno – si legge sul sito di Equitalia – copia della suddetta comunicazione sarà disponibile anche nell’area riservata del portale www.gruppoequitalia.it.
In particolare, la comunicazione che il cittadino riceverà conterrà:

– informazioni in merito all’accoglimento o eventuale rigetto della adesione;
eventuali carichi di debiti che non possono rientrare nella definizione agevolata;
importo/i da pagare e  alla data/e entro cui effettuare il pagamento.

Tale comunicazione conterrà anche il/i bollettino/i di pagamento in base alla scelta effettuata al momento della compilazione del modulo DA1 e il modulo per l’eventuale addebito sul conto corrente dell’interessato.

È possibile effettuare il pagamento utilizzando diversi canali e anche con il servizio di addebito diretto su conto corrente. Ma Equitalia avverte che la richiesta di attivazione del mandato dovrà essere presentata alla banca del titolare del conto almeno 20 giorni prima della scadenza della rata.
Quindi, per fare un esempio, per la scadenza della prima rata del 31 luglio 2017 il servizio andrà richiesto entro e non oltre l’11 luglio.

Per maggiori approfondimenti, CONSULTA lo SPECIALE sulla DEFINIZIONE AGEVOLATA

Novità editoriale:

tributi_locali_2017I tributi locali nel 2017

di Cristina Carpenedo

Nel 2017 la fiscalità vive un altro capitolo della riscossione pubblica, che abbandona il modello Equitalia per dare spazio alla nuova Agenzia delle Entrate – Riscossione.
Il volume analizza il nuovo attore della riscossione, le modalità di affidamento e il ventaglio di alternative che fanno capo all’ingiunzione fiscale, che rimane strumento di forte interesse per i comuni, maggiormente rispondente ai principi della contabilità armonizzata.

SCOPRI DI PIU'

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>