Questo articolo è stato letto 31 volte

Definizione agevolata: in Gazzetta Ufficiale la proroga al 21 aprile

definizione agevolata

E’ stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto legge 27 marzo 2017, n. 36 che proroga i termini relativi alla definizione agevolata dei carichi affidati agli agenti della riscossione.

Come avevamo anticipato in un articolo del 27 marzo, il Consiglio dei ministri ha approvato la proroga dei termini relativi alla disciplina della definizione agevolata dei carichi affidati agli agenti della riscossione dal 2000 al 2016, contenuto nell’articolo 6 del decreto legge n. 193/2016.

In particolare, si proroga dal 31 marzo al 21 aprile 2017 il termine entro il quale i debitori potranno presentare la dichiarazione prevista, allo scopo di favorire ulteriormente l’adesione dei cittadini interessati all’istituto della definizione agevolata.

L’agevolazione consente ai debitori di estinguere il proprio debito senza corrispondere:

La formulazione originale dell’articolo 6 prevedeva la possibilità del debitore di aderire alla misura agevolativa in esame manifestando “la sua volontà di avvalersene, rendendo, entro il 31 marzo 2017, apposita dichiarazione, con le modalità e in conformità alla modulistica che lo stesso agente della riscossione pubblica sul proprio sito internet”.

L’articolo 1 del D.L. 36/2017 pubblicato in Gazzetta Ufficiale, invece, ha modificato il termine per la presentazione dell’istanza prorogandolo al prossimo 21 aprile 2017 così da favorire ulteriormente l’adesione dei cittadini interessati all’istituto definitorio.

Per maggiori approfondimenti, CONSULTA lo SPECIALE sulla DEFINIZIONE AGEVOLATA

Novità editoriale:

tributi_locali_2017I tributi locali nel 2017

di Cristina Carpenedo

Nel 2017 la fiscalità vive un altro capitolo della riscossione pubblica, che abbandona il modello Equitalia per dare spazio alla nuova Agenzia delle Entrate – Riscossione.
Il volume analizza il nuovo attore della riscossione, le modalità di affidamento e il ventaglio di alternative che fanno capo all’ingiunzione fiscale, che rimane strumento di forte interesse per i comuni, maggiormente rispondente ai principi della contabilità armonizzata.

SCOPRI DI PIU'

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>