Questo articolo è stato letto 43 volte

Delibera TARI: non può essere adottata oltre il termine di adozione del bilancio di previsione

riunione_consiglio_comunale

Il Caso: Il Consiglio Comunale di Matera nella seduta del 28.8.2015 ha approvato con la Delibera n. 57, unitamente al Bilancio di previsione, le nuove tariffe TARI, con decorrenza dall’1.1.2015. Con nota dell’1.10.2015 il Dipartimento delle Finanze del Ministero dell’Economia e delle Finanze ha invitato il Comune di Matera ad annullare la predetta Delibera consiliare, nella parte in cui non confermava per l’anno 2015 le tariffe della TARI già stabilite per l’anno 2014, in quanto i relativi aumenti erano stato approvati dopo il 30.7.2015.

Il TAR Basilicata afferma che la Delibera Tari non può essere approvata oltre il termine previsto per l’adozione del bilancio di previsione, stante la natura perentoria di esso.
Non derogano a questo principio i ritardi connessi alle elezioni comunali nè il principio di garantire l’integrale copertura dei costi, fermo restando l’eventuale scostamento, positivo o negativo, nel primo piano utile.

LEGGI la sentenza del TAR Basilicata n. 815/2016

 

Novità editoriale:

carpenedo_tributi_locali

I tributi locali nel 2016

di Cristina Carpenedo

La fiscalità locale è stata interessata da due importanti eventi normativi: la legge 28 dicembre 2015 n. 208, la legge di stabilità per il 2016 ed i decreti legislativi n.ri. 156, 158 e 159 del 24 settembre 2015 di attuazione della delega fiscale (approvata con L. 23 del 11/03/2014).

Questo volume è strutturato in una prima parte dedicata agli interventi della legge di stabilità e in una seconda parte dedicata agli istituti che caratterizzano la gestione della fiscalità locale.

SCOPRI DI PIU'

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>