Questo articolo è stato letto 27 volte

Dichiarazione TASI: quale modello va presentato?

Il Punto di S. Zammarchi

imu

Dopo lungo silenzio, il Ministero dell’economica e delle Finanze ha emanato quattro Risoluzioni nell’arco di meno di un mese, di cui l’ultima lo scorso 21 giugno (risoluzione n.4/DF), per rispondere a quesiti in ordine alla dichiarazione telematica degli Enti commerciali e delle persone fisiche. L’intervento è riferito all’obbligo dichiarativo per gli immobili non di proprietà dei predetti soggetti ed alla modalità di compilazione del modello stesso. In tale circostanza, il MEF ha fornito chiarimenti relativamente al dubbio sorto in sede di compilazione della dichiarazione telematica ai fini TASI, con particolare riguardo agli immobili condotti in locazione da parte dei predetti soggetti passivi.

Il modello dichiarativo approvato, infatti, presenta alcuni campi, da compilare obbligatoriamente, che mal si conciliano con la situazione che afferisce ai soggetti locatari. In particolare, il campo 23, richiede l’indicazione della quota di possesso in percentuale. Ovviamente, i meri conduttori, non avendo alcuna quota di proprietà (come è tale il possesso qualificato), non dovrebbero compilare il campo richiamato ma, così facendo, il sistema telematico blocca la predisposizione del modello di dichiarazione.
Con la risposta fornita dal Ministero, è stato precisato che, effettivamente, la quota di possesso sarebbe pari a zero ma, indicando questo valore non sarebbe possibile procedere alla trasmissione telematica a causa del blocco presente. Il Ministero, seguendo la solita logica “all’italiana”, invece di risolvere il problema a monte, ha spiegato che occorre inserire la percentuale “100” e, successivamente, compilare la parte destinata alle “Annotazioni”, per specificare che trattasi di locazione. Nel dettaglio la Risoluzione suggerisce di indicare la seguente dicitura: “Si evidenzia che si tratta di dichiarazione ai fini TASI, che l’unità immobiliare è condotta in locazione e che pertanto nei campi in cui è richiesta l’indicazione della “% poss” il valore inserito è da intendersi come “%  di detenzione”.

Continua a leggere l’articolo

 

Per maggiori approfondimenti consulta il nostro SPECIALE sulla TASI

Novità editoriale:

tributi_locali_2017I tributi locali nel 2017

di Cristina Carpenedo

Nel 2017 la fiscalità vive un altro capitolo della riscossione pubblica, che abbandona il modello Equitalia per dare spazio alla nuova Agenzia delle Entrate – Riscossione.
Il volume analizza il nuovo attore della riscossione, le modalità di affidamento e il ventaglio di alternative che fanno capo all’ingiunzione fiscale, che rimane strumento di forte interesse per i comuni, maggiormente rispondente ai principi della contabilità armonizzata.

SCOPRI DI PIU'

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>