Questo articolo è stato letto 56 volte

Disapplicazione delle sanzioni in carenza di liquidità aziendale

sanzioni

Con sentenza n. 2021/2017, la CTP di Roma afferma che non sono dovute le sanzioni del 30% in caso di tardivi versamenti di imposta, qualora il contribuente dimostri che la violazione è stata causata dalla carenza di liquidità dovuta al mancato pagamento di crediti vantati nei confronti della pubblica amministrazione.
Questa circostanza, infatti, è idonea a rappresentare una causa di forza maggiore e, come tale, a escludere l’elemento soggettivo dell’illecito amministrativo. Il mancato pagamento di fatture scadute costituisce evento oggettivamente riconducibile al concetto di forza maggiore, idoneo ad escludere l’elemento soggettivo dell’illecito amministrativo e, dunque, la sua punibilità.

LEGGI LA SENTENZA N. 2021/2017

 

Novità editoriale:

manuale dell'illecito amministrativo

 

MANUALE DELL’ILLECITO AMMINISTRATIVO

di Giuseppe Napolitano

Alla luce della crisi del sistema punitivo penale che rende sempre più evidente l’efficacia del diritto amministrativo punitivo, consigliamo questa edizione aggiornata alle nuove depenalizzazioni previste dal d.lgs. 8/2016, alle novità introdotte dal “Decreto fiscale” (d.l. 193/2016) e alle numerose e rilevanti pronunce giurisprudenziali degli ultimi anni.

Button_Scopri

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>