Questo articolo è stato letto 57 volte

Esenzioni IMU: i Comuni continuano ad operare nell’incertezza

imu_comuni

I comuni continuano ad operare nella più totale incertezza, tra interpretazioni ministeriali espansive, Corte di Cassazione incapace di esprimere appieno la propria funzione nomofilattica ed interventi normativi poco strategici. Sul fronte ministeriale il Ministero delle finanze continua ad alimentare il contenzioso con le sue note interpretative. La nota prot. 20535 del 23 maggio 2016 alimenta l’incertezza sull’ambito di applicazione delle agevolazioni Imu per il mondo agricolo. Da un lato, si assimila al coltivatore diretto la figura del coadiuvante agricolo e, dall’altro lato, conformemente a quanto già scritto nella circolare n. 3 del 2012, si ritiene che le agevolazioni spettino anche alle società agricole, nonostante queste difettino del requisito all’iscrizione alla previdenza agricola. Agevolazioni che nel 2016 si traducono in esenzione d’imposta.
Con risoluzione n. 3/DF del 1° giugno 2016 il Ministero è intervenuto criticamente sulla questione relativa all’imponibilità IMU delle Piattaforme petrolifere, questione che in realtà avrebbe dovuto considerarsi definita sulla base dei principi di diritto già espressi dalla Corte di Cassazione. Su tale questione, peraltro, Anci ha proposto uno specifico emendamento al decreto enti locali (d.l. n. 133/2016) che è stato dichiarato inaspettatamente inammissibile, e forse questo fa presagire l’emanazione di una norma di interpretazione autentica, modello fabbricati rurali (art. 23 del d.l. n. 207/2008), in base alla quale le piattaforme petrolifere non si considerano unità immobiliari da accatastare.
Sul fronte della giurisprudenza di legittimità, molto rispettosamente, si rileva un acclarato stato di confusione, soprattutto sul fronte del tanto discusso tema dell’esenzione relativa agli enti non commerciali, sia con riferimento agli immobili concessi in comodato sia con riferimento alle scuole materne. Sul primo punto, dopo un apparente consolidarsi della linea interpretativa tracciata da Cassazione n. 25508/2015, la Corte di Cassazione sembra orientata a discostarsene apertamente, visto che con sentenza n. 14913/2016 si richiama (finalmente) quanto precisato dalla Corte Costituzionale nella sentenza n. 429/2006, in merito alla necessaria coincidenza tra soggetto possessore e soggetto utilizzatore.
Sul secondo punto, quello delle scuole paritarie, si segnala Cassazione n. 13968/2016, che nega il riconoscimento dell’esenzione per il solo fatto di essere una scuola paritaria, ritenendo necessario anche per queste la dimostrazione dello svolgimento dell’attività didattica con modalità non commerciali, ma poi incredibilmente si rinvia per i criteri di non commercialità alla circolare 2/DF del 2009, circolare questa, che al pari delle disposizioni vigenti nel periodo 2006-2011, è stata dichiarata illegittima in quanto incompatibile con le norme UE in materia di aiuti di Stato (comunicato Commissione UE del 19 dicembre 2012).
Sul fronte normativo, si registra l’ennesima proroga semestrale per Equitalia, che potrà continuare a riscuotere coattivamente le entrate comunali fino al 31 dicembre del 2016. Quello che accadrà dopo non è noto, perché il Governo ha annunciato la soppressione di Equitalia, con probabile incorporazione di questa nell’Agenzia delle entrate. Più che di cambi di nome sarebbe però necessario riscrivere tutto il sistema della riscossione, come peraltro previsto nell’inattuato art. 10 della legge delega n. 23/2014.
Insomma, di lavoro c’è ne ancora tanto, ma prima di apportare modifiche sporadiche, e il più delle volte poco coordinate, sarebbe necessario fermarsi un attimo a riflettere sul modello di tassazione locale che si vuole, cioè sarebbe necessario iniziare a pianificare.

di Luigi Lovecchio e Pasquale Mirto

Tratto dalla Rivista Tributi Locali e Regionali

TLR

Nel numero 4-5/2016 della Rivista si parla di:

  • Controversie IMU in tema di immobili in leasing non riconsegnati
  • Terreni agricoli esenti IMU. Criticità applicative tra persone fisiche e società
  • TARSU-TARI alberghi: diversificazione tariffaria e motivazione della delibera
  • Determinazione del trasferimento compensativo del minor gettito IMU per gli immobili di categoria D ed E a seguito dello “svuota impianti”

Button_Scopri

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>