Questo articolo è stato letto 144 volte

Fabbricati inagibili: il comune non può negare l’evidenza

Il Punto di S. Zammarchi

fabbricati-inagibili

La recente Ordinanza della Corte di Cassazione, n. 13059 dello scorso 24 maggio, riporta alla ribalta una questione di tutto rilievo, in ordine all’applicazione della riduzione del 50% della base imponibile per i fabbricati inagibili, e di fatto inutilizzati, prevista dall’art. 8, comma 1, del D. Lgs. n. 504/92. La quinta Sezione della Corte ha fornito il proprio parere in merito ad un immobile inutilizzato per mancanza di funzionalità dello stesso. Ciò che preme sottolineare è l’aspetto che attiene alle modalità che consentono al contribuente di beneficiare dell’agevolazione in parola.
Come è noto, per potere godere di agevolazioni in ambito tributario (riduzioni/esenzioni), è onere del soggetto passivo produrre apposita documentazione (dichiarazione/comunicazione/autocertificazione) all’ente impositore, con cui viene resa nota la presenza di specifici requisiti che consentono di rientrare nel perimetro delle agevolazioni disposte dal legislatore nazionale o dal regolamento comunale. In assenza di tale espressa richiesta/dichiarazione, la giurisprudenza si è sempre posta in maniera negativa nei confronti del contribuente, sostenendo che, stante il particolare regime di favore che il contribuente chiede di riservargli, resta a suo carico la procedura che renda manifesta la presenza di particolari requisiti .
A questo orientamento ormai consolidato da parte dei giudici si piazza Cavour, fa eccezione proprio l’agevolazione in rassegna, per la quale già in passato la Suprema Corte si è pronunciata a Favore del contribuente. Si ricorda, fra le sentenze più recenti, la decisione del 21 settembre 2016, con cui è stata accolta la richiesta del contribuente, sostenendo che “era perfettamente noto al Comune di Verbania che l’immobile fosse in condizioni di grave inagibilità considerato che lo stesso Comune, scaduta la concessione edilizia in data 28/7/1998, non aveva concesso alcun permesso edificatorio sicché nessun intervento edilizio poteva essere eseguito”.

Continua a leggere l’articolo


Novità editoriale:

tributi_locali_2017I tributi locali nel 2017

di Cristina Carpenedo

Nel 2017 la fiscalità vive un altro capitolo della riscossione pubblica, che abbandona il modello Equitalia per dare spazio alla nuova Agenzia delle Entrate – Riscossione.
Il volume analizza il nuovo attore della riscossione, le modalità di affidamento e il ventaglio di alternative che fanno capo all’ingiunzione fiscale, che rimane strumento di forte interesse per i comuni, maggiormente rispondente ai principi della contabilità armonizzata.

SCOPRI DI PIU'

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>