Questo articolo è stato letto 130 volte

ICI/IMU dovuta dai consorzi di bonifica

bonifica

La Corte di Cassazione, nella sentenza n. 22482, conferma il principio enunciato nel 2014 in base al quale l’assoggettamento all’Ici per i consorzi di bonifica si giustifica per il fatto che tali beni non sono meramente detenuti dai consorzi ma da questi posseduti in quanto loro affidati in uso per legge in qualità di soggetti obbligati all’esecuzione, manutenzione ed esercizio delle opere realizzate per finalità di bonifica e di prevenzione idraulica.
Ai fini Ici, il consorzio di bonifica non può essere considerato mero detentore degli immobili demaniali a esso affidati e nemmeno semplice incaricato della loro manutenzione; si tratta piuttosto di una concessione a titolo gratuito. Il possesso è quindi qualificato a questo titolo. I consorzi di bonifica sono concessionari dei beni demaniali loro affidati per svolgere le loro funzioni istituzionali e quindi soggetti all’imposta sai sensi dell’articolo 18 della legge 388/2000.

LEGGI LA SENTENZA

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>