Questo articolo è stato letto 37 volte

Il Caso – Sospensione delle riscossione

Cartella-Equitalia

Equitalia ha trasmesso al Comune  una istanza presentata dal contribuente presso i suoi sportelli per ottenere l’annullamento della cartella ai sensi della Legge 228/2012. Il contribuente scrive che sono trascorsi i tempi previsti per la risposta e questo comporta che la cartella viene annullata di diritto. Cosa può fare l’ente impositore?

L’istituto in discorso è stato oggetto di recente pronuncia giudiziale recente. Si fonda sulle disposizioni della legge 228/2012 che ha inserito nell’ordinamento giuridico la sospensione immediata della riscossione rimaneggiata dal d. lgs 159/2015. Si tratta di una forma amministrativa di sospensione e/o annullamento della cartella operativa dal 1 gennaio 2013 che viene promossa dal cittadino in presenza però di determinate cause/vizi della procedura di riscossione, maturati prima della formazione del ruolo.

L’istituto è stato fortemente valorizzato dall’Agente della Riscossione, che lo ha interpretato come una forma di aiuto che la stessa Equitalia si premura di dare ai debitori. Sul sito del gruppo è scaricabile la relativa guida e la modulistica, con possibilità di inoltro anche telematico.

Continua a leggere

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>