Questo articolo è stato letto 241 volte

Il coltivatore diretto in pensione ha diritto alle agevolazioni IMU sull’area edificabie?

Il Caso di C. Carpenedo

imu terreni agricoli3

La Cassazione, con sentenza 13745 del 31 maggio 2017 interviene sul controverso tema del riconoscimento delle agevolazioni ICI a favore dei pensionati agricoli, mutuabile anche sull’IMU che richiede, in modo ancor più rigoroso, l’iscrizione alla previdenza agricola.

Il maturare del trattamento pensionistico esclude che il soggetto che ha fruito dell’agevolazione fino a quel momento possa essere ancora considerato coltivatore diretto, ostando lo status di pensionato al riconoscimento dell’agevolazione, indipendentemente dalla circostanza che la pensione si riferisca o meno all’attività lavorativa in agricoltura ed essendo irrilevante che il soggetto sia ancora iscritto negli elenchi e continui a versare i contributi volontari in costanza di trattamento pensionistico.

Ai sensi del  comma 2 dell’articolo 13 del dl 201/2011 (IMU).  L’imposta municipale propria ha per presupposto il possesso di immobili; restano ferme le definizioni di cui all’articolo 2 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504. I soggetti richiamati dall’articolo 2, comma 1, lettera b), secondo periodo, del decreto legislativo n. 504 del 1992, sono individuati nei coltivatori diretti e negli imprenditori agricoli professionali di cui all’articolo 1 del decreto legislativo 29 marzo 2004, n. 99, e successive modificazioni, iscritti nella previdenza agricola.

>> Continua a leggere l’articolo <<

Consulta la RUBRICA di UfficioTributi con
TUTTI I CASI RISOLTI

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>