Questo articolo è stato letto 37 volte

Il punto di Stefania Zammarchi – Applicazione del baratto amministrativo, Ifel ci ripensa

il-punto-di-stefania-zammarchi-applicazione-del-baratto-amministrativo-ifel-ci-ripensa.jpg

di S. Zammarchi (www.ufficiotributi.it 26/10/2015)

Con la nota dello scorso 16 ottobre, IFEL ha fornito i propri chiarimenti in ordine all’applicazione delle disposizioni dettate dall’art. 24 del Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133, (cd. “Decreto sblocca Italia”), recante “Misure di agevolazione della partecipazione delle comunità locali in materia di tutela e valorizzazione del territorio”. La norma richiamata consente ai Comuni di definire, con apposita deliberazione, i criteri e le condizioni per la realizzazione di interventi proposti mediante progetti presentati da cittadini, singoli o associati, purché individuati in relazione al territorio da riqualificare. Tali interventi devono però avere ad oggetto “la pulizia, la manutenzione, l’abbellimento di aree verdi, piazze, strade ovvero interventi di decoro urbano, di recupero e riuso, con finalità di  interesse generale, di aree e beni immobili inutilizzati, e in genere la valorizzazione di una limitata zona del territorio  urbano o extraurbano”. Pertanto, nell’intento di realizzare gli interventi illustrati, i Comuni possono deliberare “riduzioni o esenzioni di tributi inerenti al tipo di attività posta in essere”.

Continua a leggere l’articolo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>