Questo articolo è stato letto 417 volte

Il Punto di Stefania Zammarchi – Le procedure TARI per l’accertamento in liquidazione

la-ragioneria-generale-dello-stato-pubblica-landamento-mensile-delle-entrate-tributarie-e-contributive-del-mese-di-luglio-2013.bmp

di S. Zammarchi (www.ufficiotributi.it 11/7/2016)

Gli accertamenti in liquidazione della tassa sui rifiuti trovano il loro presupposto nelle disposizioni dettate dall’articolo 1, comma 162, della Legge n. 296/2006. Tali disposizioni, contenute nei commi da 159 a 169 dell’articolo 1, ricordato, rappresentano, infatti, una sorta di mini testo unico dei tributi locali. Fra le previsioni indicate, è presente la disciplina che attiene agli omessi, parziali o tardivi pagamenti dei tributi locale, applicabili anche alla tassa sui rifiuti. Per tale violazione è infatti applicabile quanto sancito dall’articolo 13, del D. Lgs. n. 471/1997, così come recentemente modificato, cioè la sanzione nella misura del 30%, ridotta del 50% per i versamenti effettuati con un ritardo non superiore a 90 giorni. La sanzione è ulteriormente ridotta, per i versamenti eseguiti con un ritardo non superiore a 15 giorni, di un importo pari ad un quindicesimo per ciascun giorno di ritardo.
Per fornire un quadro completo dell’evoluzione normativa nell’ambito in esame, è bene rammentare che all’epoca dell’emanazione del D. Lgs. n. 507/1993, che disciplinava la T.A.R.S.U., la riscossione del tributo avveniva mediante la modalità del “ruolo”, regolata dal D.P.R. 29 settembre 1973, n. 602, originariamente previsto per la sola riscossione delle imposte sul reddito, poi esteso alle entrate degli enti locali. Tale modalità di riscossione, affidata ai concessionari (poi agenti) nazionali della riscossione, era basata sulla liquidazione d’ufficio che, in caso di omesso versamento da parte del contribuente, diveniva automaticamente ruolo coattivo, qualora il contribuente non provvedesse ad adempiere al pagamento, dopo la notifica dell’atto stesso atto di liquidazione.

Continua a leggere l’articolo

Novità editoriale:

carpenedo_tributi_locali

I tributi locali nel 2016

di Cristina Carpenedo

La fiscalità locale è stata interessata da due importanti eventi normativi: la legge 28 dicembre 2015 n. 208, la legge di stabilità per il 2016 ed i decreti legislativi n.ri. 156, 158 e 159 del 24 settembre 2015 di attuazione della delega fiscale (approvata con L. 23 del 11/03/2014).

Questo volume è strutturato in una prima parte dedicata agli interventi della legge di stabilità e in una seconda parte dedicata agli istituti che caratterizzano la gestione della fiscalità locale.

>> SCOPRI DI PIU’ <<

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>