Questo articolo è stato letto 96 volte

Il Punto di Stefania Zammarchi – Terreni agricoli montani: verifica costituzionale dei criteri di classificazione, IFEL chiede il ristoro delle risorse per il 2015

imu terreni agricoli montani

di S. Zammarchi (www.ufficiotributi.it 14/3/2016)

La vicenda dei terreni agricoli montani, a seguito degli interventi normativi degli anni 2014 e 2015, ha visto ricondurre il legislatore ai precedenti criteri di individuazione dei Comuni montani e parzialmente montani, ripristinando i criteri indicati dalla circolare n. 9 del 14 giugno 1993, del Ministero delle Finanze, Dipartimento Entrate Fiscalità Locale Servizi. Le nuove disposizioni, con cui si era tentato di riformare la tassazione dei terreni in Comuni montani e parzialmente montani, ha visto l’insorgere di contenzioso che ora è davanti alla Corte Costituzionale, in ragione dell’ordinanza n. 14156, dello scorso 16 dicembre, emanata dalla Seconda Sezione del TAR Lazio. Come è noto molti Comuni laziali, sostenuti dall’ANCI regionale, dopo una lunga avventura giudiziaria, hanno ottenuto questo importante risultato, in base al quale la questione è stata dichiarata “rilevante e non manifestamente infondata”. A tale conclusione il tribunale regionale giunge, in relazione all’art. 23 della Costituzione, esaminando il dettato dell’art. 1, decreto legge 24 gennaio 2015, n. 4, convertito in legge, con modificazioni, dalla legge 24 marzo 2015, n. 34, nella parte in cui, alle lett. a) e b), prevedeva l’esenzione dall’IMU agricola per i terreni ubicati nei comuni classificati dall’ISTAT, totalmente montani o parzialmente montani (in questa ipotesi l’agevolazione era disposta per i terreni posseduti e condotti da coltivatori diretti e da imprenditori agricoli professionali).

Continua a leggere l’articolo

I tributi locali nel 2016

I tributi locali nel 2016

di Cristina Carpenedo

La fiscalità locale è stata interessata da due importanti eventi normativi: la legge 28 dicembre 2015 n. 208, la legge di stabilità per il 2016 ed i decreti legislativi n.ri. 156, 158 e 159 del 24 settembre 2015 di attuazione della delega fiscale (approvata con L. 23 del 11/03/2014).

Questo volume è strutturato in una prima parte dedicata agli interventi della legge di stabilità e in una seconda parte dedicata agli istituti che caratterizzano la gestione della fiscalità locale.

Su Cd-Rom lo schema del nuovo regolamento per la gestione delle entrate tributarie.

Aggiornato con la Legge 28 dicembre 2015, n. 208 (Legge di Stabilità 2016)

ACCESSO GRATUITO AL CORSO ON LINE
“Le novità in materia di tributi locali nella legge di stabilità 2016″
a cura di Cristina Carpenedo

 

» Acquista Subito

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>