Questo articolo è stato letto 182 volte

Imposta di soggiorno Air bnb

Imposta di soggiorno

Dopo il ricorso promosso dinanzi al Tar Lazio  da parte di Airbnb (Airbnb Ireland Unlimited Company e Airbnb Payments Uk Limited) contro il provvedimento dell’Agenzia delle Entrate del 12 luglio 2017, recante indicazioni operative per l’attuazione dell’articolo 4, commi 4, 5 e 5-bis del DL n. 50/2017 (Regime fiscale locazioni brevi), con una pronuncia sfavorevole al gestore del portale, il Consiglio di Stato cambia direzione.
Con l’ordinanza n. 5403/2017 il Consiglio di Stato si discosta in parte e sostiene la necessità di un immediato riesame della vicenda, adombrando la presenza di un fumus bonis juris in ordine alle doglianze esposte dal ricorrente.

La pronuncia accelera la trattazione della causa asserendo che le molteplici questioni dedotte in relazione alla paventata lesione del diritto dell’Unione Europea appaiono meritevoli di attento apprezzamento e come tali devono essere approfondite nella più opportuna sede del merito.

LEGGI LA SENTENZA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>