Questo articolo è stato letto 57 volte

Imposta di soggiorno: ruolo dei gestori

tassa_soggiorno

Gli albergatori e tutti gli altri gestori di strutture incaricati della riscossione dell’imposta per conto dell’Ente locale maneggiano risorse pubbliche e per questo debbono essere considerati agenti contabili, senza possibilità alcuna di sottrarsi agli obblighi ed alle responsabilità che ne derivano.

Sono queste le conclusioni raggiunte con una lunga e analitica sentenza del Consiglio di Stato che ha confermato la pronuncia del TAR in merito al ruolo dei gestori di strutture ricettive.

Quando il regolamento comunale qualifichi gli albergatori quali suoi agenti contabili, gli stessi soggiaceranno a tutti gli obblighi che derivano direttamente dalle  norme di contabilità pubblica, compreso l’obbligo  di presentare al Comune il conto della propria gestione ai fini del successivo controllo espletabile dalla Corte dei conti sulle corrispondenti voci di entrata comunale.
I gestori alberghieri, non essendo né sostituti d’imposta né soggetti passivi dell’imposta di soggiorno dovranno riscuotere detta imposta, anche se da tale attività non potranno ricavarne alcun beneficio economico. In caso di mancato pagamento dell’imposta potrà essere sanzionato solo il cliente della struttura, essendo questo il soggetto passivo dell’imposta.

LEGGI LA SENTENZA del Consiglio di Stato, n. 5545, 27 novembre 2017

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>