Questo articolo è stato letto 445 volte

IMU in caso di fallimento – Quota stato

Il Caso di C. Carpenedo

imu

Nel caso di liquidazione di imposta IMU a seguito di decreto di trasferimento di beni oggetto di fallimento deve essere versata all’erario la quota IMU STATO o tutto l’imposta compete al Comune?

La procedura fallimentare, a differenza delle altre, disciplina l’accertamento del passivo, nel quale devono rientrare tutte le somme vantate dai diversi creditori, per un credito anteriore alla dichiarazione di fallimento, al fine del pagamento delle medesime sulla base delle sostanze che si potranno ricavare dalla procedura. A tal fine compete al curatore esaminare le scritture contabili per individuare i creditori e informarli a mezzo pec mediante apposita comunicazione, nella quale deve indicare la modalità di presentazione della domanda di ammissione al passivo, la data per l’esame dello stato passivo e il termine.
Il Comune, in presenza di una dichiarazione di fallimento procede con la notifica degli avvisi di accertamento e presenta la domanda di insinuazione al passivo.  La domanda di ammissione al passivo produce gli effetti della domanda giudiziale interrompendo la prescrizione per tutto il periodo del fallimento.

Continua a leggere

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>