Questo articolo è stato letto 10 volte

La disciplina IMU-Tasi per gli Enti non commerciali

la-disciplina-imu-tasi-per-gli-enti-non-commerciali.jpg

NOTA DI APPROFONDIMENTO IFEL 1/6/2015
L’esenzione IMU per gli enti non commerciali

Con comunicato del 02/06/2015 la Fondazione ANCI (IFEL) rende noto che “l’imponibilità degli immobili posseduti e a vario titolo utilizzati dagli Enti non commerciali e, in particolare, da ONLUS e Enti ecclesiastici, è stata caratterizzata per oltre un decennio da continui e spesso contraddittori mutamenti normativi e interventi interpretativi e giurisprudenziali.
La revisione normativa avviata con il decreto legge n. 1 del 2012, a seguito dell’apertura di una procedura di infrazione europea per aiuti di Stato, con l’individuazione della fattispecie di uso “promiscuo” (commerciale-non commerciale) del medesimo immobile e con il successivo percorso attuativo, sembra poter dare maggior stabilità e certezza al regime di imposizione cui sono sottoposti gli immobili in questione.
Restano tuttavia diversi aspetti non interamente definiti dalla normativa primaria e suscettibili di approfondimento.
Questa nota di approfondimento si propone di fornire, attraverso l’analisi della normativa primaria e delle posizioni espresse dal Mef, elementi di valutazione e giudizio utili per i funzionari e gli amministratori dei Comuni impegnati nella gestione tributaria e nei rapporti con i contribuenti nel complesso campo dell’imposizione sugli immobili degli enti non commerciali, alla luce dei provvedimenti ministeriali emanati a seguito del dl n. 1 del 2012 e delle scadenze di presentazione delle dichiarazioni, più volte prorogate.”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>