Questo articolo è stato letto 561 volte

La quantificazione del C.A.R.C. (e del FCDE) in sede di determinazione delle tariffe TARI

Il Punto di S. Zammarchi

riscossione_tari

L’unico adempimento a cui i Comuni si devono attenere, in ambito di fiscalità locale, per l’anno in corso, riguarda la determinazione delle tariffe TARI, stante il divieto di aumento delle aliquote e tariffe per le altre entrate tributarie comunali. I criteri da adottare per giungere all’individuazione di tali tariffe sono dettati dal D.P.R. n. 158/99 (regolamento attuativo del D.Lgs. n. 22/1997, c.d. Decreto Ronchi), a cui rinvia l’art. 1, comma 651, della Legge n. 147/2013 e s.m.i., istitutiva della IUC. La medesima Legge, prevede una deroga, disciplinata al successivo comma 652, applicabile a condizione che le modalità assunte siano conformi al principio comunitario “chi inquina paga”: in tale ipotesi il Comune “può commisurare la tariffa alle quantità e qualità medie ordinarie di rifiuti prodotti per unità di superficie, in relazione agli usi e alla tipologia delle attività svolte nonché al costo del servizio sui rifiuti”.
Altro aspetto fondamentale, nell’operazione di elaborazione delle tariffe, è l’obbligo di copertura integrale dei costi, imposto dal successivo comma 654 che dispone: “In ogni caso deve essere assicurata la copertura integrale dei costi di investimento e di esercizio relativi al servizio, ricomprendendo anche i costi di cui all’articolo 15 del decreto legislativo 13 gennaio 2003, n. 36, ad esclusione dei costi relativi ai rifiuti speciali al cui smaltimento provvedono a proprie spese i relativi produttori comprovandone l’avvenuto trattamento in conformità alla normativa vigente”.
A questo punto si pone il problema dei costi da considerare in occasione della stima del “montante” delle entrate TARI, per la “copertura” dei costi stessi. La risposta è fornita dall’art. 3, del richiamato D.P.R. n. 158/1999, recante “determinazione della tariffa”, dove, al terzo comma, rinvia al punto 3, dell’allegato 1. Qui sono elencati nel dettaglio i costi, suddivisi in fissi e variabili, da inserire nel P.E.F. redatto dalla società a cui è affidato il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti urbani, da sottoporre poi all’approvazione del Consiglio Comunale o di altra autorità competente. Fra queste voci è presente anche il C.A.R.C. (Costi di accertamento, riscossione e contenzioso) la cui stima spetta al Comune, quando l’attività di riscossione e accertamento della TARI è gestita direttamente dall’ente. Da non dimenticare che deve essere posto in detrazione il contributo che giunge dal MIUR per il servizio erogato agli istituti scolastici. Se è vero che per gli ordinari costi dell’attività posta in capo al Comune (costi del personale assegnato al servizio, costi di imbustamento e postalizzazzione, costi del software ecc…) è abbastanza agevole determinarne l’ammontare, spesso sorgono ancora dubbi per il calcolo del FDCE.

Continua a leggere l’articolo

Novità editoriale:

tributi_locali_2017I tributi locali nel 2017

di Cristina Carpenedo

Nel 2017 la fiscalità vive un altro capitolo della riscossione pubblica, che abbandona il modello Equitalia per dare spazio alla nuova Agenzia delle Entrate – Riscossione.
Il volume analizza il nuovo attore della riscossione, le modalità di affidamento e il ventaglio di alternative che fanno capo all’ingiunzione fiscale, che rimane strumento di forte interesse per i comuni, maggiormente rispondente ai principi della contabilità armonizzata.

SCOPRI DI PIU'

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>