Questo articolo è stato letto 86 volte

Legittima la notifica anche senza relata

notifica

La Corte di Cassazione, nell’ordinanza n. 22899/2017, conferma la legittimità della notifica anche se carente della compilazione della relata in quanto è l’avviso di ricevimento che prova la notificazione.

In particolare, considerato che gli atti tributari debbono essere comunicati al contribuente nelle forme della notifica degli atti giudiziari (art. 60, comma 1, d.P.R. n. 600 del 1973) ne segue che alla notifica degli atti tributari si applica l’art. 4, comma 3, della legge n. 890 del 1982, secondo cui “l’avviso di ricevimento costituisce prova dell’eseguita notificazione”.

LEGGI l’ORDINANZA

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>