Questo articolo è stato letto 263 volte

Notifica a società cancellata

Il Caso di C. Carpenedo

ingiunzione_pagamento

Il nostro ufficio ha emesso un’ingiunzione di pagamento per la riscossione di IMU e TARI accertate per gli anni 2014 e 2015. Dopo la notifica dell’atto, il contribuente, una SRL cancellata dal registro imprese a seguito di liquidazione, chiede l’annullamento dell’ingiunzione. E’ legittimo annullare l’ingiunzione?

Sempre più spesso, in fase di notifica di un atto impositivo verso un’azienda, si viene a conoscenza della cancellazione dell’attività. Le risultanze della CCIAA definiscono lo stato dell’impresa dalla nascita fino alla cancellazione, atto finale che giunge al termine di un processo avviato con lo scioglimento, maturato sulla base delle cause indicate dal codice civile, e la successiva liquidazione.
La liquidazione ordinaria (o volontaria) è quella fase della vita dell’impresa in cui, una volta cessata l’attività produttiva, si provvede a convertire i beni dell’impresa in denaro, a estinguere i suoi debiti e a definire i rapporti pendenti, con la devoluzione del residuo alla sfera personale dell’imprenditore o, nel caso di una società, ai soci. Fiscalmente, possono essere sottoposte a liquidazione volontaria le imprese individuali, le società in nome collettivo, le società in accomandita semplice e le società soggette all’imposta sul reddito delle società. Nell’ipotesi in cui si adotti il procedimento previsto dal codice civile, l’iter della liquidazione si conclude con la redazione e l’approvazione da parte dei soci del bilancio finale di liquidazione (articolo 2492 cc).
Ai sensi dell’articolo 2495 del c.c.
Approvato il bilancio finale di liquidazione, i liquidatori devono chiedere la cancellazione della società dal registro delle imprese.
Ferma restando l’estinzione della società, dopo la cancellazione i creditori sociali non soddisfatti possono far valere i loro crediti nei confronti dei soci, fino alla concorrenza delle somme da questi riscosse in base al bilancio finale di liquidazione, e nei confronti dei liquidatori, se il mancato pagamento è dipeso da colpa di questi.

Continua a leggere la risposta


Novità editoriale:

tributi_locali_2017I tributi locali nel 2017

di Cristina Carpenedo

Nel 2017 la fiscalità vive un altro capitolo della riscossione pubblica, che abbandona il modello Equitalia per dare spazio alla nuova Agenzia delle Entrate – Riscossione.
Il volume analizza il nuovo attore della riscossione, le modalità di affidamento e il ventaglio di alternative che fanno capo all’ingiunzione fiscale, che rimane strumento di forte interesse per i comuni, maggiormente rispondente ai principi della contabilità armonizzata.

SCOPRI DI PIU'

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>