Questo articolo è stato letto 72 volte

Notifica via PEC ed estensione del file dell’atto

notifica-a-mezzo-pec-degli-atti-comunali.jpg

La notifica di un atto impositivo non è valida se avviene tramite messaggio di Pec contenente il file dell’atto con estensione «pdf» anziché «p7m». Solo il formato p7m garantisce  l’integrità e l’immodificabilità del documento informatico e l’identificabilità del suo autore relativamente alla firma digitale.

Il chiarimento è della  Ctp di Reggio Emilia con la sentenza n. 204/2017. Una pronuncia importante in quanto affronta il tema dell’estensione del file che deve contenere l’atto impositivo notificato mediante Pec.

LEGGI LA SENTENZA

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>