Questo articolo è stato letto 47 volte

Pagamento imposte ed esimente della forza maggiore

crediti-dimposta-riduzione-delle-quote-percentuali.bmp

La CTP di Caltanissetta, nella sentenza n. 505/2017, nega l’esimente della forza maggiore in caso di mancato pagamento per carenza di liquidità.

L’omesso pagamento non può trovare giustificazione in una generale difficoltà di liquidità dettata dal mancato introito di cospicui crediti verso terzi per cui il comportamento inadempiente di tali soggetti “terzi” ben integrerebbe l’esimente della mancanza di colpevolezza.
Anche  l’esimente della “c.d. forza maggiore” richiede la sussistenza di una vis maior, cioè di un fatto esterno che non si può prevedere ed anche se previsto, non può essere contrastato. Va, infatti, evidenziato come per chi esercita una attività imprenditoriale il mancato puntale incasso dei crediti dallo stesso vantati nei confronti dei propri debitori, non può costituire sic et simpliciter una vis maior, in quanto tale eventualità certamente rientra tra i comuni rischi di una attività economica, cui l’imprenditore ben deve porre attenzione ed è tenuto a fronteggiare con la comune diligenza, ponendo in essere tutti quegli strumenti che l’ordinamento pone a sua disposizione per fronteggiare le difficoltà di liquidità e l’inadempimento dei crediti, (aumento del capitale sciale; cessione volontaria dei crediti; finanziamento garantito, azioni civili e amministrative nei confronti della P.A. o dei privati inadempienti ecc.).

A ciò si aggiunga che in materia tributaria l’ordinamento consente, a chi si trova in difficoltà nel pagamento delle imposte, di poter anche ottenere la rateizzazione nel pagamento delle stesse.

LEGGI LA SENTENZA

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>