Questo articolo è stato letto 10 volte

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il bollettino di conto corrente postale per il pagamento della TARES

bmp

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 116 del 20 maggio 2013 il decreto ministeriale del 14 maggio 2013 con il quale sono approvati i modelli di bollettino di conto corrente postale per il versamento del tributo comunale sui rifiuti e sui servizi (TARES).

In analogia a quanto già previsto per l’IMU, infatti, anche per la TARES il legislatore, con l’art. 14, comma 35, del D.L. n. 201 del 2011, ha previsto che il versamento del tributo in commento, nonché della tariffa avente natura corrispettiva e della maggiorazione prevista a copertura dei costi relativi ai servizi indivisibili dei comuni è effettuato con apposito bollettino di conto corrente postale al quale si applicano le disposizioni del modello F24.  

Il bollettino rappresenta, quindi, un mezzo di pagamento alternativo al modello F24  e sarà messo gratuitamente a disposizione da tutte le agenzie delle Poste italiane S.p.A..
Il modello di bollettino di conto corrente postale deve riportare obbligatoriamente il numero di  conto corrente 1011136627, valido per tutti i Comuni italiani, e l’intestazione “Pagamento TARES”. Nel decreto di approvazione si precisa che su tale conto corrente non è ammessa l’effettuazione di versamenti tramite bonifico.

In ottemperanza a quanto prescritto dalla norma è stato, quindi, approvato il modello di bollettino con il quale sarà possibile pagare il tributo, la tariffa puntuale e la maggiorazione; per ciascun anno di riferimento, come si legge nel decreto, sono previste quattro rate trimestrali, scadenti nei mesi di gennaio, aprile, luglio e ottobre. In accordo alle regole in materia di versamenti unificati, contenute nel D. Lgs. n. 241 del 1997, i versamenti devono essere effettuati a partire dal 1° giorno ed entro il 16° giorno di ciascun mese di scadenza delle rate. È tuttavia consentito il pagamento in unica soluzione entro il 16 giugno di ciascun anno.

Per l’anno 2013, il decreto precisa che i modelli di bollettino di conto corrente postale devono essere utilizzati obbligatoriamente solo a partire dal versamento della maggiorazione e dell’ultima rata del tributo.

E’ anche possibile effettuare il versamento del tributo tramite servizio telematico gestito da Poste Italiane S.p.A.. e, in tal caso, il contribuente riceve la conferma dell’avvenuta operazione con le modalità previste per il Servizio di collegamento telematico.

Nell’ottica della semplificazione degli adempimenti del contribuente, e considerata la complessità del calcolo degli importi relativi alla TARES, il provvedimento ministeriale prevede l’invio, da parte del comune, di bollettini precompilati, completi, quindi, degli importi da versare e dei dati identificativi del contribuente, nonché del codice catastale del comune ove sono situati i locali e le aree scoperte in relazione ai quali sono dovuti il tributo, la tariffa e la maggiorazione.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>