Questo articolo è stato letto 58 volte

Ravvedimenti operosi seguono la proroga del 770

ravvedimento-operoso

La proroga al 31 ottobre della scadenza di presentazione del modello 770/2017 (DPCM 26.7.2017) fa slittare anche i ravvedimenti  operosi relativi al 2016.

Con il DPCM, infatti, è stata disposta la proroga al 31 ottobre 2017 del termine per la presentazione in via telematica della dichiarazione modello 770/2017 relativa all’anno 2016. Anche se il DPCM non contiene uno specifico riferimento al termine entro cui avvalersi del ravvedimento operoso relativamente alle ritenute non versate, i Consulenti del lavoro, nel comunicato del 1° agosto 2017 ritengono che anche quest’ultimo sia automaticamente prorogato.

Ciò in quanto l’art. 13, comma 1, lett. b) del D.Lgs. n. 472/1997 prevede che, in caso di omesso versamento, i termini per ravvedersi sono quelli entro i quali è possibile presentare la dichiarazione relativa all’anno nel corso del quale è stata commessa la violazione.

 

Consigliamo il CONVEGNO:

Le ultime novità sui tributi comunali:
dal prelievo sui rifiuti al terzo settore, passando per l’imposta di soggiorno e la definizione delle liti pendenti

Bologna, 31 ottobre 2017

Docenti:
Luigi Lovecchio, Dottore commercialista. Componente del Comitato scientifico della Rivista “Finanza e Tributi locali”. Autore di pubblicazioni in materia

Pasquale Mirto, Dirigente Settore Entrate di Unione di Comuni. Componente del Comitato scientifico della Rivista “Finanza e Tributi locali”. Autore di pubblicazioni in materia

CONSULTA IL PROGRAMMA

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>