Questo articolo è stato letto 255 volte

Riduzione per la raccolta differenziata

Il Caso di C. Carpenedo

rifiuti

E’ possibile prevedere nel regolamento TARI la riduzione per la raccolta differenziata riferita alle “utenze non domestiche”, considerato che dalla lettura del comma 658 della Legge 27.12.2013 n. 147 la stessa modalità è riferibile alle sole utenze domestiche?

Nell’impianto della Tari, ci sono riduzioni connesse alla modalità di svolgimento del servizio ed altre relative alla produzione dei rifiuti. Tralasciando quelle relative alla modalità di svolgimento del servizio, focalizziamo l’attenzione su tutte le altre possibilità che ha l’ente.

In tema di agevolazioni, la legge 147/2013 offre un ampio ventaglio di possibilità. Il comma 659 prevede la facoltà di ridurre il tributo per diverse ragioni di utilizzo che fanno presumere una minore produzione di rifiuti.

  1. Il comune con regolamento di cui all’articolo 52 del decreto legislativo 15 dicembre 1997, n. 446 puo’ prevedere riduzioni tariffarie ed esenzioni nel caso di:
  2. a) abitazioni con unico occupante;
  3. b) abitazioni tenute a disposizione per uso stagionale od altro uso limitato e discontinuo;
  4. c) locali, diversi dalle abitazioni, ed aree scoperte adibiti ad uso stagionale o ad uso non continuativo, ma ricorrente;
  5. d) abitazioni occupate da soggetti che risiedano o abbiano la dimora, per piu’ di sei mesi all’anno, all’estero;
  6. e) fabbricati rurali ad uso abitativo;
    e-bis) attività di prevenzione nella produzione di rifiuti, commisurando le riduzioni tariffarie alla quantità di rifiuti non prodotti.

 

Continua a leggere l’articolo

 

NOVITÀ EDITORIALE:

tributi_locali_2017I TRIBUTI LOCALI NEL 2017

di Cristina Carpenedo

Nel 2017 la fiscalità vive un altro capitolo della riscossione pubblica, che abbandona il modello Equitalia per dare spazio alla nuova Agenzia delle Entrate – Riscossione.
Il volume analizza il nuovo attore della riscossione, le modalità di affidamento e il ventaglio di alternative che fanno capo all’ingiunzione fiscale, che rimane strumento di forte interesse per i comuni, maggiormente rispondente ai principi della contabilità armonizzata.

SCOPRI DI PIU'

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>