Questo articolo è stato letto 2.161 volte

Rimborsi IMU F24: serve una determina e per gli eredi la successione

imu

Inizia a comporsi il puzzle delle procedure di riversamento anche se il cammino appare ancora lungo. A seguito di alcuni quesiti che sono stati posti dai comuni, riportiamo la risposta resa per il caso di decesso del destinatario al rimborso e le indicazioni in ordine a una determina che il funzionario dovrebbe adottare.

QUESITO INERENTE CONTRIBUENTI RESIDENTI ALL’ESTERO E DECEDUTI.
Va preliminarmente sottolineata l’importanza dell’indicazione del codice IBAN, ai fini di una più efficiente gestione della procedura di rimborso al contribuente da parte dei competenti uffici del Dipartimento delle finanze. Nel caso di cittadini residenti all’estero, è comunque possibile effettuare il rimborso su un conto estero, indicando il relativo IBAN.
In mancanza dell’IBAN, si provvederà al pagamento mediante l’assegno circolare emesso da Banca d’Italia o il contante da riscuotere presso la sede di Banca d’Italia più vicina al domicilio indicato dall’interessato.
Per quanto concerne i contribuenti deceduti, occorre innanzitutto allegare la dichiarazione di successione, come registrata dall’Agenzia delle Entrate (può essere inserita nella sezione ove è previsto di allegare il file in formato PDFA, firmato elettronicamente, relativo alla certificazione del rimborso).
Nel caso di più eredi, è necessario allegare, insieme alla dichiarazione di successione, un documento di delega alla riscossione da parte degli altri eredi sul c/c del delegato. In mancanza di tale documento, poiché non è possibile inserire gli IBAN relativi a tutti gli eredi, si provvederà al rimborso spettante mediante l’assegno circolare emesso da Banca d’Italia o il contante da riscuotere presso la sede di Banca d’Italia più vicina al domicilio indicato dagli interessati.

QUESITO SU DOCUMENTAZIONE
2) In un secondo quesito, il Mef ha trasmesso un fac simile di determina (puramente indicativa) con annesso allegato da poter predisporre per l’invio dei dati per il rimborso tributi della quota Stato. Ha inoltre confermato, per quanto riguarda la firma del dispositivo, in attesa che venga ampliato l’applicativo del portale federalismo fiscale, il formato pdf/a debitamente firmato con firma autografa e timbro del Comune

FAC SIMILE:

CARTA INTESTATA DEL COMUNE

DETERMINA DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO
SERVIZIO………

OGGETTO: Rimborso di quote statali indebite – (Tributo) – (riferimento anni).

Visti gli articoli 8 e 9 del D.Lgs. 14 marzo 2011, n. 23;
visto l’articolo 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214;
Visti i commi 722, 723, 724, 725, 726 e 727 dell’articolo 1 della legge 27 dicembre 2013, n. 147;
visto il Decreto interministeriale 24 febbraio 2016 concernente le procedure di riversamento, rimborso e regolazioni contabili relative ai tributi locali (……………….);
vista la circolare del Dipartimento delle Finanze 14 aprile 2016, n. 1/DF;
vista la delibera della Giunta comunale del ……………………, con la quale è stato designato il Funzionario cui sono conferiti le funzioni e i poteri per l’esercizio di ogni attività organizzativa e gestionale dell’imposta;
visto l’articolo …… del regolamento IMU (rimborsi) approvato con delibera del Consiglio comunale del ……………….;
visto il regolamento IMU, approvato con delibera del Consiglio comunale …………..;
vista la risoluzione del 13 dicembre 2012, n. 2/DF del Ministero delle Finanze la quale chiarisce che in base all’articolo 1, comma 164 della legge n. 296/2006 è il Comune competente per il rimborso dei tributi comunali in generale e l’IMU in particolare entro 180 giorni dalla data di istanza di rimborso e che la domanda di rimborso deve essere unica sia per la quota comunale che per quella statale e presentata al comune competente;
viste le domande presentate fino alla data odierna per ottenere il rimborso delle quote indebitamente versate allo Stato a titolo di imposta IMU per le annualità ……….;
accertata la fondatezza dei motivi addotti dai richiedenti il rimborso dell’imposta;
vista l’allegata tabella, che costituisce parte essenziale e integrante della presente determinazione e nella quale sono indicati con precisione i contribuenti che hanno diritto ad un rimborso da parte dello Stato ai sensi della summenzionata normativa;
Rilevato che la somma da rimborsare ai contribuenti ammonta a:
1. IMU (anni) – quota statale Euro ……….-

d e t e r m i n a

1. di approvare l’allegata tabella, nella quale sono indicati con precisione i contribuenti che hanno diritto al rimborso di quote indebitamente versate allo Stato e i relativi importi da rimborsare. La tabella forma parte essenziale ed integrante della presente determina;
2. di approvare il rimborso delle quote statali ai contribuenti indicati nell’allegata tabella per l’ammontare per ciascuno indicato.
3. di inserire i dati per il rimborso delle quote statali a favore dei summenzionati contribuenti nel settore appositamente dedicato del Portale Federalismo fiscale; protocollo n …… del …….

Firma
il responsabile del servizio
__________________

Vedi allegato

 

Vedi anche: Il Punto di Stefania Zammarchi – Procedura rimborsi IMU tutta in salita

Per maggiore approfondimento ti suggeriamo:

8891616029

Guida completa Imu-Tasi 2016

di Saverio Cinieri

Aggiornato con le modifiche introdotte dalla Legge di Stabilità 2016 alla disciplina sulle imposte IMU e TASI, il manuale analizza nel dettaglio la normativa relativa alle due imposte, tenuto conto della più recente giurisprudenza.

>>> Acquista il volume <<<

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>