Questo articolo è stato letto 1.339 volte

Somme in compensazione IMU

Il Caso di C. Carpenedo

imu

Sempre più spesso i contribuenti che versano IMU, in presenza di errori di versamento eseguiti in eccesso, chiedono di utilizzare il credito in compensazione sui futuri versamenti. Il Comune è obbligato ad accettare questa forma di adempimento? 

La compensazione tributaria è la possibilità, riconosciuta al contribuente che vanta un credito nei confronti dell’erario di utilizzarlo per il pagamento di eventuali debiti nei confronti dello stesso. Il principio applicativo si trova scritto nell’articolo 8 dello Statuto dei diritti del Contribuente  L’obbligazione tributaria può essere estinta anche per compensazione.

La compensazione, dunque, in campo tributario è una possibile modalità estintiva delle obbligazioni tributarie, solo nei casi espressamente contemplati dal legislatore, proprio per la mancanza di una disciplina generale attuativa. Tale modalità estintiva opera solamente nei casi in cui essa sia espressamente prevista dal legislatore tributario. Negli ultimi anni, con il consolidamento del modello F24, compensare tributi erariali, soprattutto IVA, è applicazione di larga diffusione. L’onda è presto arrivata nel mondo dei comuni, principalmente in ambito IMU, mondo nel quale la situazione è ben diversa.
L’istituto della compensazione nel campo dei tributi locali è riconosciuto dall’articolo 1, comma 167, Legge n° 296/2006, il quale stabilisce che gli enti locali disciplinano le modalità con le quali i contribuenti possono compensare le somme a credito con quelle dovute al comune a titolo di tributi locali. Ciò significa  che esiste una innegabile facoltà del contribuente alla compensazione di somme.

Continua a leggere l’articolo

 

Per maggiori approfondimenti consulta il nostro SPECIALE sulla IMU

Novità editoriale:

tributi_locali_2017I tributi locali nel 2017

di Cristina Carpenedo

Nel 2017 la fiscalità vive un altro capitolo della riscossione pubblica, che abbandona il modello Equitalia per dare spazio alla nuova Agenzia delle Entrate – Riscossione.
Il volume analizza il nuovo attore della riscossione, le modalità di affidamento e il ventaglio di alternative che fanno capo all’ingiunzione fiscale, che rimane strumento di forte interesse per i comuni, maggiormente rispondente ai principi della contabilità armonizzata.

SCOPRI DI PIU'

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>