Questo articolo è stato letto 37 volte

Stabilita’ niente Imu per la casa in uso a figli. Canone Rai in bolletta in 10 rate

Arriva uno sconto Imu del 25% per i proprietari di una seconda abitazione che scelgono di affittarla a canone concordato. È questa una delle novità alla legge di Stabilità 2016 in corso di esame al Senato su cui maggioranza e governo hanno trovato l’intesa ieri sera, nel corso di una riunione a palazzo Madama, presenti il viceministro all’Economia Enrico Morando, le due relatrici Federica Chiavaroli (Ap) e Magda Zanoni (Pd) e il presidente della commissione Bilancio Giorgio Tonini. Un altro emendamento delle relatrici presentato in commissione prevede poi il canone Rai in bolletta da pagare in 10 rate mensili.

Scaglionamento da gennaio ad ottobre, prima rata cumulativa a luglio 2016
A regime, il canone per il servizio radiotelevisivo sarà addebitato «sulle fatture emesse dall’impresa elettrica aventi scadenza del pagamento immediatamente successiva alla scadenza delle rate», con scaglionamento da gennaio a ottobre. Per via dei tempi tecnici di adeguamento dei sistemi di fatturazione per il 2016 il primo versamento delle rate scadute avverrà «cumulativamente» dal primo luglio 2016. Allo studio anche una norma, da inserire nella manovra, per far sì che l’eventuale surplus generato dal pagamento del canone Rai venga destinato ad allargare la platea dei pensionati esenti fino a 8mila euro di reddito e per dare più risorse a radio e Tv locali.

Approdo in Aula giovedì, via libera Assemblea entro sabato
La legge di Stabilità arriverà in Aula giovedì, in modo che il via libera dell’Assemblea possa arrivare entro sabato. La Conferenza dei capigruppo di Palazzo Madama ha infatti stabilito nel pomeriggio di concedere un giorno in più alla commissione Bilancio per l’esame del testo e degli emendamenti. SEcondo il calendario precedente dei lavori, avrebbe dovuto deliberare il mandato ai relatori questa notte, al termine delle votazioni sugli emendamenti, ma i lavori sono stati ritardati dall’ostruzionismo dell’opposizione e dal duro confronto sulle misure per il Sud, saltate in attesa di una decisione di Renzi su come intervenire.

Stop Tasi per case in comodato d’uso ai figli
L’intesa sullo sconto Imu prevede in particolare che la somma delle aliquote dell’Imu e della Tasi non possa superare il 4 per mille, ed è stato recepito in un emendamento delle relatrici, con una copertura finanziaria di 80 milioni di euro. Un altro punto d’intesa tra maggioranza e opposizione trasformato in emendamento oggi approvato dalla commisisone prevede la cancellazione della Tasi anche per le case date in comodato d’uso ai figli (o ai genitori), ma con una limitazione: varrà per un solo immobile, con esclusione di ville e castelli. L’emendamento in materia prevede che il proprietario, per poter usufruire dell’agevolazione, non debba possedere un altro immobile ad uso abitativo in Italia. Inoltre nel 2015 deve aver abitato nella casa che intende cedere al parente in linea retta entro il primo grado. In pratica, la casa ceduta al figlio viene «trattata» dal punto di vista fiscale, come prima casa anche se il proprietario non vi risiede.

Gestire la IUC nel 2015 Gestire la IUC nel 2015

Caratterizzata dai problemi irrisolti con cui i Comuni dovranno fare i conti al momento della sua determinazione, la IUC e i tributi che la compongono vengono esaminati da Maurizio Fogagnolo in questo nuovo volume per la corretta gestione del contenzioso e della riscossione, con casi risolti e schemi annotati dei Regolamenti IMU – TASI – TARI.

Contiene schemi annotati 
dei Regolamenti IMU – TASI – TARI • Con CD-Rom

L’ACQUISTO DEL VOLUME INCLUDE L’ACCESSO GRATUITO AL CORSO ON LINE
“IUC – Guida alle novità 2015 e all’aggiornamento dei Regolamenti comunali”

» Acquista Subito

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>