Questo articolo è stato letto 881 volte

Versamento IMU non residenti all’estero

nota-dellanci-emilia-romagna-sulla-mini-imu.bmp

Con comunicato del 12 aprile 2017 l’Agenzia delle Entrate risponde alla seguente domanda posta da un contribuente.

Un cittadino italiano residente all’estero, se non può utilizzare il modello F24, come può eseguire il versamento dell’Imu?

In alternativa all’utilizzo del modello F24, i contribuenti non residenti nel territorio dello Stato devono versare l’Imu nei modi seguenti: a) per la quota spettante al comune, è necessario contattare direttamente l’ente beneficiario per ottenere le relative istruzioni e il codice Iban del conto sul quale accreditare l’importo dovuto; b) per la quota riservata allo Stato, i contribuenti devono effettuare un bonifico direttamente in favore della Banca d’Italia (codice BIC BITAITRRENT), utilizzando il codice Iban IT02G0100003245348006108000. La copia di entrambe le operazioni deve essere inoltrata al comune per i successivi controlli. Come causale dei versamenti devono essere indicati: il codice fiscale o la partita Iva del contribuente o, in mancanza, il codice di identificazione fiscale rilasciato dallo Stato estero di residenza, se posseduto; la sigla “Imu”, il nome del comune ove sono ubicati gli immobili e i relativi codici tributo indicati nella risoluzione dell’Agenzia delle Entrate n. 35/E del 12 aprile 2012; l’annualità di riferimento; l’indicazione “Acconto” o “Saldo” nel caso di pagamento in due rate (cfr ministero dell’Economia e delle finanze – dipartimento delle Finanze – comunicato stampa 31 maggio 2012, “Modalità di versamento dell’IMU da parte dei soggetti non residenti” e circolare n. 3/DF del 18 maggio 2012).

 

Novità editoriale:

tributi_locali_2017I tributi locali nel 2017

di Cristina Carpenedo

Nel 2017 la fiscalità vive un altro capitolo della riscossione pubblica, che abbandona il modello Equitalia per dare spazio alla nuova Agenzia delle Entrate – Riscossione.
Il volume analizza il nuovo attore della riscossione, le modalità di affidamento e il ventaglio di alternative che fanno capo all’ingiunzione fiscale, che rimane strumento di forte interesse per i comuni, maggiormente rispondente ai principi della contabilità armonizzata.

SCOPRI DI PIU'

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>