Anticipazioni di liquidità date alle regioni per il ripianamento dei debiti pregressi.

Tra non molto i contribuenti IRPEF della Regione Lazio – ovvero, in pratica, i dipendenti ed i pensionati – si vedranno decurtare le già magre retribuzioni a cagione della volontà della Regione di reperire i fondi necessari alla restituzione delle somme anticipate dallo Stato allo stesso Ente al fine di metterlo in grado di restituire alle imprese i debiti contratti, mediante aumenti fiscali.

La legge regionale del Lazio n. 2 del 2013, all’art. 2, rubricato “Pagamento dei debiti della Regione” prevede, infatti, che:

 

Continua a leggere l’approfondimento

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.