Questo articolo è stato letto 226 volte

Gli interessi legali salgono all’1,25% dal 1° gennaio 2022

di Giuseppe Debenedetto

Dal 1° gennaio 2022 gli interessi legali aumentano dall’attuale 0,01% all’1,25%, come previsto dal Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze del 13 dicembre 2021, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 297 del 15/12/2021. L’aumento si pone in controtendenza alla costante diminuzione operata negli ultimi anni: dal 2014 al 2021 il tasso è infatti sceso dall’1% allo 0,01%.

Gli interessi legali trovano il loro punto di contatto con i tributi locali in materia di interessi applicabili in caso di ritardato pagamento o di rimborso di quanto pagato in eccedenza, nonché nell’ambito della disciplina del ravvedimento operoso.

Per quanto concerne gli interessi moratori e compensativi, occorre evidenziare che il comma 165 della legge finanziaria 2007 (l. 296/2006) ha disegnato un sistema di determinazione del saggio di interesse da applicare ai tributi locali che consente agli enti impositori di variare detto saggio in aumento o in diminuzione fino a tre punti percentuali rispetto al tasso di interesse legale.

Conseguentemente, dal 1° gennaio 2022 gli interessi moratori e compensativi possono arrivare fino al 4,25% in ragione annua: in sede regolamentare è quindi possibile rivedere il saggio di interesse determinato in precedenza. Se si vogliono invece evitare modifiche regolamentari è consigliabile indicizzare gli interessi moratori al saggio legale, entro i limiti di tre punti percentuali, risolvendo il problema della variazione periodica degli interessi legali.

In ordine agli interessi applicabili in caso di ravvedimento operoso, va evidenziato che la disciplina contenuta nell’art. 13 del d.lgs. 472/97 è finalizzata ad incentivare l’adempimento, seppure tardivo, degli obblighi imposti dalla legge ai contribuenti, attraverso un sistema premiale che consente di accedere, in presenza di determinati presupposti, alla riduzione delle sanzioni stabilite dalla legge per le violazioni tributarie.

Il ravvedimento si perfeziona pagando, contestualmente alla sanzione ridotta, anche gli “interessi moratori calcolati al tasso legale con maturazione giorno per giorno” (cfr. art. 13, comma 2, d.lgs. 472/97). Quindi dal 1° gennaio 2022 si deve applicare la nuova misura dell’1,25% su base annua, senza alcuna possibilità di variare in sede locale tale percentuale. Occorre infatti evidenziare che al ravvedimento operoso non è applicabile il comma 165 della legge finanziaria 2007, dovendosi necessariamente applicare gli interessi legali espressamente previsti dall’art. 13 del d.lgs. 472/97.

Si riporta di seguito una tabella riepilogativa degli interessi legali su base annua:

Misura Periodo Normativa di riferimento
5% dal 21/4/1942 al 15/12/1990 Art. 1284 codice civile
10% dal 16/12/1990 al 31/12/1996 Art. 1 legge 26/11/1990 n. 353
5% dall’1/1/1997 al  31/12/1998 Art. 2/185° legge 23/12/1996 n. 662
2,5% dall’1/1/1999 al  31/12/2000 D.M. Tesoro 10/12/1998
3,5% dall’1/1/2001 al  31/12/2001 D.M. Tesoro 11/12/2000
3% dall’1/1/2002 al 31/12/2003 D.M. Economia e Finanze 11/12/2001
2,5% dall’1/1/2004 al 31/12/2007 D.M. Economia e Finanze 1/12/2003
3% dall’1/1/2008 al 31/12/2009 D.M. Economia e Finanze 12/12/2007
1% dall’1/1/2010 al 31/12/2010 D.M. Economia e Finanze 4/12/2009
1,5% dall’1/1/2011 al 31/12/2011 D.M. Economia e Finanze 7/12/2010
2,5% dall’1/1/2012 al 31/12/2013 D.M. Economia e Finanze 12/12/2011
1% dall’1/1/2014 al 31/12/2014 D.M. Economia e Finanze 12/12/2013
0,5% dall’1/1/2015 al 31/12/2015 D.M. Economia e Finanze 11/12/2014
0,2% dall’1/1/2016 al 31/12/2016 D.M. Economia e Finanze 11/12/2015
0,1% dall’1/1/2017 al 31/12/2017 D.M. Economia e Finanze 7/12/2016
0,3% dall’1/1/2018 al 31/12/2018 D.M. Economia e Finanze 13/12/2017
0,8% dall’1/1/2019 al 31/12/2019 D.M. Economia e Finanze 12/12/2018
0,05% dall’1/1/2020 al 31/12/2020 D.M. Economia e Finanze 12/12/2019
0,01% dall’1/1/2021 al 31/12/2021 D.M. Economia e Finanze 11/12/2020
1,25% dall’1/1/2022 D.M. Economia e Finanze 13/12/2021

 

 

Maggioli: Digitalizzazione e PNRR per la PA

Servizi e soluzioni per la corretta applicazione del PNRR

 

 

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *