I parcheggi “strisce blu” pagano la tassa rifiuti

di Giuseppe Debenedetto

Con la decisione n. 19739 del 12/7/2021 la Cassazione ha affermato che il gestore del parcheggio a pagamento, anche se non recintata (le c.d. strisce blu), è soggetto al pagamento della tassa rifiuti, accogliendo il ricorso di un Comune il quale aveva eccepito la debenza della tassa anche dal soggetto che occupa o detiene un’area per la gestione di un parcheggio affidatagli in concessione.

La CTR aveva invece dato ragione al gestore del parcheggio ritenendo che la presenza umana, nelle aree a parcheggio scoperte, è meramente occasionale e saltuaria e, per tale ragione, essendo incapaci di produrre rifiuti, non possono essere assoggettate al tributo.

>>>>>CONTINUA A LEGGERE

[libprof code=”19″ mode=”inline”]

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.