Il MEF interviene sulla questione relativa ai coniugi residenti in comuni diversi

di Giuseppe Debenedetto

Il Dipartimento delle Finanze prende atto dell’orientamento espresso dalla Corte di Cassazione, che nega il riconoscimento dell’esonero previsto per l’abitazione principale in caso di coniugi residenti in comuni diversi, rendendosi disponibile a predisporre una norma che introduca chiarezza.

L’interrogazione

E’ quanto emerge da una risposta ad interrogazione parlamentare resa il 23/6/2021 in Commissione Finanze alla Camera. L’interrogante evidenzia che numerosi comuni escludono l’interpretazione del Ministero dell’economia e delle finanze sull’agevolazione Imu per coniugi con residenze in comuni diversi e chiedono se il Mef non intenda adottare iniziative per dare un’interpretazione univoca circa l’esenzione dell’Imu prima casa, specie per i nuclei familiari disgiunti aventi due immobili nello stesso comune o in comuni diversi.

>>>>>CONTINUA A LEGGERE

[libprof code=”22″ mode=”inline”]

© RIPRODUZIONE RISERVATA

One thought on “Il MEF interviene sulla questione relativa ai coniugi residenti in comuni diversi

  1. Perchè il MEF non chiede alla politica di legiferare chiaramenti di diritto prima casa per l’esenzione IMU per Coniugi disgiunti anche se non separati legalmente ma che vivono e risiedono in abitationi diverse in comuni diversi. Perchè questo indirizzo della Suprema Corte pone un problema socio economico a migliaglia di Famiglie che oggi si trovano nella situazione sopra citata, poichè la norma in passato prevededa questa possibilità per i Coniugi disgiunti. Questa situazione oggi crea dei danni economici incalcolabili alle Famiglie di decine di migliaia di Euro da pagare.
    Questo pronunciamento della Corte ha risvegliato i Comuni da un lungo letargo e consapevoli che avrebbe prodotto un importante gettito di denaro senza spendere troppo risorse, ora stanno inviando avvisi di accertamenti scellerati da pagare con la retroattività di CINQUE anni. La cosa sconcertante è che la modifica dell’imposta IMU introdotta dal governo Monti non ha tenuco conto dei danni che avrebbe potuto generare per queste situazioni o, ne hanno tenuto conto ma consapevoli che i danni sarebbero arrivati con i cambi di Governi degli anni futuri e pertanto la loro coscienza restava pulita.
    Personalmente sono molto arrabiato abito nel comune di lanuvio provincia di roma, il comune uff. Tributi non vuole riconoscermi i diritti di prima casa e mi chiede gli arretrati dal 2016 al 2021 oggi.
    Chiedo alla Politica che deve tutelare i diritti dei Cittadini di prendere in esame questa ingiusta situazione e legiferare per evitare che migliaglia di Famiglie si trovino a rimpinguare le casse dei Comuni.
    Grazie per la possibilità concessa.
    Un cordiale saluto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.