L'esperto risponde - Quesito

» Argomento

recupero coattivo etntrate patrimonilali

» Data

10 giugno 2021

» Quesito

Con il presente quesito si chiede se una società, privata ed iscritta al n. 133 dell?Albo dei concessionari ex art. 53 D. Lgs. 446/97, concessionaria per conto di un comune, sarebbe legittimata a porre in essere le attività di riscossione coattiva, mediante ingiunzione di pagamento ex R.D. n. 639 del 14.04.1910, relativamente al recupero di una provvisionale per effetto di sentenza emessa dalla Corte di Cassazione. Ringraziando, saluti

» Risposta

Dal 1° gennaio 2020, gli enti locali devono emettere atti di accertamento esecutivi, sia per la riscossione coattiva delle entrate tributarie, quanto per quelle patrimoniali. Ne discende che l’ingiunzione fiscale potrà essere notificata solo per gli atti di accertamento precedenti al 2020.


Ciò premesso, nel caso di specie, l’entrata è “pubblica” e di natura patrimoniale, pertanto, potrà senza dubbio essere emesso l’accertamento esecutivo che dovrà contenere anche l’intimazione a pagare. Tale atto è già titolo esecutivo e verrà seguita la procedura di cui alla Legge n. 160/2019.


Cordialmente