Questo articolo è stato letto 1 volte

Rimborsi e Irap 2013: bozze on line

Disponibili l’edizione preliminare della dichiarazione Irap e il modello con cui sarà possibile richiedere il rimborso delle maggiori imposte sui redditi (Irpef o Ires) versate per effetto della mancata deduzione relativa alle spese per il personale dipendente e assimilato

È on line sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate la bozza della dichiarazione Irap utilizzabile a partire dal prossimo anno. Tra le principali novità, l’incremento della deduzione forfettaria prevista per i lavoratori dipendenti a tempo indeterminato di sesso femminile e per quelli di età inferiore ai 35 anni, come indicato dall’art. 2, comma 2, del d.l. n. 201/2011.
La deduzione per donne e under 35 passa da 4.600 euro a 10.600 euro per i lavoratori di sesso femminile e per quelli di età inferiore ai 35 anni, assunti a tempo indeterminato. L’importo della deduzione passa, invece, da 9.200 euro a 15.200 euro per i lavoratori impiegati nelle imprese delle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia. La deduzione spetta a tutti i soggetti passivi Irap con esclusione delle Pubbliche Amministrazioni e delle imprese operanti in concessione e a tariffa nei settori dell’energia, dell’acqua, dei trasporti, delle infrastrutture, delle poste, delle telecomunicazioni, della raccolta e depurazione delle acque di scarico e della raccolta e smaltimento rifiuti. Trova, inoltre, spazio nel modello Irap il credito d’imposta che favorisce le nuove opere infrastrutturali introdotto dall’art. 33 del d.l. n. 179/2012. L’agevolazione riguarda le opere infrastrutturali di importo superiore a 500 milioni di euro mediante l’utilizzazione dei contratti di partenariato pubblico privato.
Un’altra novità è l’introduzione nel quadro IR, da utilizzare per la ripartizione regionale della base imponibile e dell’imposta, di appositi campi in cui indicare le detrazioni dall’Irap disposte da Leggi regionali. Esordisce infine la gestione dei crediti Irap ricevuti a seguito di operazioni straordinarie come i crediti maturati dalla società fusa o incorporata e trasferiti alla società risultante dall’operazione di fusione o incorporazione. Questi crediti vanno indicati in una apposita sezione del quadro IS per poi confluire nel quadro IR nel campo relativo all’eccedenza Irap risultante dalla precedente dichiarazione. Pronto anche il modello di istanza di rimborso, con relative istruzioni e specifiche tecniche, con cui il contribuente può richiedere il rimborso delle maggiori imposte sui redditi (Irpef e Ires) versate per effetto della mancata deduzione dell’Irap relativa alle spese per il personale dipendente e assimilato (art. 2 del d.l. n. 201/2011).
Può fare domanda chi usufruisce della deduzione prevista per i soggetti che determinano la base imponibile dell’Imposta regionale sulle attività produttive in base agli articoli 5, 5-bis, 6, 7 e 8 del Decreto Irap:

  • società di capitali e enti commerciali;
  • società di persone e imprese individuali;
  • banche e altri enti e società finanziari;
  • imprese di assicurazione;
  • persone fisiche, società semplici e quelle ad esse equiparate esercenti arti e professioni.

Può, inoltre, presentare istanza di rimborso chi determina la base imponibile Irap secondo la disciplina prevista per le imprese commerciali per opzione (imprenditori agricoli e pubbliche amministrazioni per l’attività commerciale eventualmente esercitata) o per regime naturale (enti privati non commerciali con riferimento esclusivamente all’attività commerciale esercitata). La domanda di rimborso va presentata all’Agenzia delle Entrate esclusivamente per via telematica. L’istanza va presentata: in generale, entro 48 mesi dalla data del versamento (articolo 38 del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 602); entro 60 giorni dalla data di attivazione della procedura telematica che ne consente l’invio, quando il termine di 48 mesi (purché ancora pendente alla data del 28 dicembre 2011) cade entro il 60° giorno successivo alla data di attivazione.

(Fonte: www.agenziaentrate.gov.it)

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>