Questo articolo è stato letto 147 volte

Cartella di pagamento non motivata

riscossione-illegittima-la-cartella-di-pagamento-che-rechi-il-computo-globale-degli-interessi-dovuti-dal-contribuente.jpg

Non basta la sigla di un tributo come causale. La cartella esattoriale, in quanto atto impositivo idoneo ad incidere sulla sfera patrimoniale del contribuente, deve essere adeguatamente motivata in ragione dei presupposti di diritto e di fatto della pretesa, così come stabilito dall’articolo 7 della legge 212/2000.
Inoltre, nell’avanzare le proprie legittime pretese, l’ente impositore deve mettere il contribuente in condizione di capire i motivi, i presupposti e le ragioni che giustificano il provvedimento, in modo da consentirgli di decidere se adeguarsi oppure opporsi.

LEGGI LA SENTENZA della Commissione Tributaria Regionale pugliese n. 2688

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>