Questo articolo è stato letto 64 volte

Diniego agevolazioni

contridditorio

Interessante ordinanza della Cassazione sull’impugnabilità del provvedimento di diniego alle agevolazioni emessa per entrate erariali ma utile a comprendere degli aspetti di principio. In tema di agevolazioni tributarie, il provvedimento di diniego, come pure il riconoscimento parziale della spettanza dell’agevolazione, sono equiparati agli atti di accertamento, alla luce del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 636, art. 16, e poi del D.Lgs. 31 dicembre 1992, n. 546, art. 19, ai soli fini della loro impugnabilità, e quindi della tutela giurisdizionale del contribuente; ad essi, pertanto, non è applicabile, sotto altri profili, la disciplina propria degli atti di accertamento, come, per esempio, quella del regime di decadenza, previsto, per le imposte dirette dal D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600, art. 43 (Cass. 335/05 e Cass. n. 7413/05).

LEGGI l’ORDINANZA

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>