Questo articolo è stato letto 1.161 volte

Esenzione per gli edifici di culto e rendita catastale

edifici_culto_chiesa

Corte di cassazione, Sezione V civile, sentenza 12 ottobre 2016, n. 20537

Il caso

La controversia concerne l’impugnazione di un avviso di accertamento che, rettificando la dichiarazione DOCFA relativa ad edificio di una chiesa, attribuiva una rendita catastale al relativo mappale classificato in E7.

L’ente religioso si opponeva sostenendo che, stante la destinazione al culto dell’edificio in questione, la relativa rendita doveva essere pari a zero.
La Cassazione giudica fondata la tesi dell’amministrazione e afferma che non sussiste alcuna relazione tra rendita catastale attribuita ed esenzione dall’imposizione riconosciuta da un edificio per la sua specifica destinazione d’uso, in quanto la rendita catastale non costituisce un’imposta né un presupposto d’imposta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>