Questo articolo è stato letto 1 volte

Federalismo municipale, modifiche all’Imu e norme anti-evasione, è in arrivo il d.l. fiscale

Sarà in discussione nei prossimi giorni in Consiglio dei ministri il “d.l. fiscale”, nel quale saranno ricompresi una serie di aggiustamenti al federalismo municipale. I possibili ambiti di intervento della decretazione di urgenza potrebbero essere: esenzione Imu per gli immobli dei comuni e le case popolari, aumento della manovrabilità delle aliquote, revisione del patto di stabilità. Ma, in previsione, c’è anche un decreto legislativo nel quale potrebbe rientrare il ridisegno del fondo di riequilibrio auspicato dall’Anci, per il quale però bisognerà aspettare i dati sul gettito degli acconti Imu di giugno, e alla definizione di un fondo perequativo definitivo collegato ai fabbisogni standard.

Sull’Imu, che i comuni contestano nella parte che prevede il versamento del 50% dell’imposta allo Stato, è in campo una ulteriore proposta dei sindaci: rinuncia al fondo di riequilibrio in cambio della possibilità di incassare tutta l’Imu.

Il governo potrebbe anche decidere di approfittare del decreto legge per realizzare un’altra proposta: allentare i vincoli del patto di stabilità su alcune spese (ad esempio il personale) rendendo ancora più stringenti i saldi complessivi e aumentando i margini di manovrabilità sulle aliquote. Anche se il vicepresidente della bicamerale, Marco Causi (Pd), suggerisce di rendere più flessibile la detrazione di 200 euro a famiglia prevista dal decreto “salva Italia”. Ma in questi casi le decisioni finali saranno fortemente influenzate dalle risorse finanziarie disponibili.

Sempre in materia di Imu, ma questa volta in chiave semplificazioni, potrebbe entrare nel Dl un meccanismo già sperimentato ai tempi dell’Ici: per il primo appuntamento con l’Imu contribuenti e Caf potranno liquidare l’acconto di giugno con le aliquote di base (4 per mille sulla prima casa e 7,6 su tutti gli altri immobili) e la detrazione fissata dalla legge per l’abitazione principale.

Il Dl allo studio, che sarà accompagnato di fatto con una riscrittura integrale della delega fiscale oggi all’esame della Camera, punterebbe a snellire adempimenti come la liquidazione dell’Iva di gruppo o il cosiddetto spesometro, nonché a razionalizzare, magari accorpandole in una soltanto, alcune delle comunicazioni recentemente introdotte per monitorare soprattutto le operazioni internazionali e contrastare le frodi Iva.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>