Questo articolo è stato letto 227 volte

I valori delle aree fabbricabili nei controlli IMU/TASI

Il Punto di S. Zammarchi

Imposte case: Tasi e Imu

La determinazione della base imponibile, ai fini I.C.I. prima, e IMU/TASI poi, resta ancorata alle previsioni dell’art. 5, del D. Lgs.n. 504/1992, istitutivo dell’imposta comunale sugli immobili. Delle diverse modalità di calcolo, la più problematica è senz’altro quella che attiene all’individuazione del valore delle aree fabbricabili che, ai sensi del comma 5, della norma richiamata “è costituito da quello venale in comune commercio al 1° gennaio dell’anno di imposizione, avendo riguardo alla zona territoriale di ubicazione, all’indice di edificabilità, alla destinazione d’uso consentita, agli oneri per eventuali lavori di adattamento del terreno necessari per la costruzione, ai prezzi medi rilevati sul mercato dalla vendita di aree aventi analoghe caratteristiche”. Pertanto, se la valutazione delle altre fattispecie impositive è più lineare, il sistema di calcolo dei terreni edificabili, lascia spazio ad ampi margini di discrezionalità che possono originare notevole contenzioso.

Continua a leggere l’articolo

NOVITà EDITORIALE:
I tributi locali nel 2018

I tributi locali nel 2018

Cristina Carpenedo, 2018, Maggioli Editore
Nel 2018 i tributi locali rappresentano un sistema complesso ancorato all’impianto normativo e giurisprudenziale che governa i principali tributi locali: IMU, TASI, TARI e Imposta di soggiorno. Inoltre, sul fronte dell’IMU e della TARI, il blocco dell’incremento delle aliquote richiama...

64,00 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>