Questo articolo è stato letto 0 volte

Immobili, manutenzione trasparente

Appalti di manutenzione di immobili pubblici da affidare ponendo a base di gara i piani di manutenzione e chiedendo offerte migliorative; le stazioni appaltanti devono però prima procedere a una adeguata programmazione degli interventi e alla puntuale classificazione delle prestazioni; necessarie specifiche puntuali per la fase esecutiva dell’appalto.

Sono questi alcuni dei suggerimenti contenuti nella determinazione dell’Anac n. 7 del 28 aprile 2015 recanti le linee guida per l’affidamento dei servizi di manutenzione degli immobili (anche i c.d. «global services»). Si tratta di contratti che si caratterizzano per la loro natura «mista» (comprendenti lavori e/o servizi e/o forniture) per i quali il principio generale previsto dal codice dei contratti è che se l’oggetto principale è costituito da servizi (e i lavori, benché di valore economico superiore al 50%, assumono carattere meramente accessorio) l’appalto sarà inquadrato come appalto di servizi (il che significa che la qualificazione dell’appaltatore non sarà con richiesta di attestazione Soa).

L’Anac invita pertanto le stazioni appaltanti a effettuare una attenta analisi della tipologia dei singoli interventi da eseguire e, laddove dovesse emergere la necessità di effettuare «attività/lavorazioni che comportano una modificazione dello stato fisico dei beni/impianti», a prevedere nella documentazione di gara il possesso dei requisiti di qualificazione per lo svolgimento dei lavori.

In particolare l’Anac precisa che occorre procedere alla classificazione dell’appalto (se servizi o lavori), definire l’importo complessivo del contratto e stabilire ogni elemento relativo alla qualificazione, certificazione, abilitazione e a ogni altra tipologia di requisito richiesta dalla normativa vigente.

Fonte: Italia Oggi

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>