Questo articolo è stato letto 371 volte

Inesigibilità per mancata notifica

Il Caso di C. Carpenedo

notifica

Spesso le raccomandate inviate per la notifica sia di accertamenti che di ingiunzioni vengono restituite al mittente con varie diciture. Come si deve procedere una volta che la raccomandata non risulti notificata anche in seguito ad un secondo invio? E’ corretto ritenere l’atto inesigibile?

Con riferimento al quesito sollevato sul tema del perfezionamento della notifica, la questione va affrontata delineando l’importanza del perfezionamento della notifica. Tutte le richieste di pagamento emesse assumono rilevanza verso il destinatario unicamente se viene perfezionato il procedimento di notifica. Il principio non fa distinzione sulla tipologia di atto bensì abbraccia tutte le richieste di pagamento (avvisi di messa in mora, solleciti, ingiunzioni, comunicazioni di misure cautelari e pignoramenti), che contengano un ordine di pagamento entro una scadenza definita. Solamente tramite il perfezionamento della notifica si interrompe la prescrizione del credito ovvero la decadenza in caso di tributi locali.
LA NOTIFICA è una forma di conoscenza legale disciplinata dalla legge. Un atto si può considerare notificato se ha seguito il percorso formale di invio e recapito al destinatario, indipendentemente dalla conoscenza effettiva. Di conseguenza, è necessario individuare quali norme definiscono questo percorso.

Continua a leggere

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>