Questo articolo è stato letto 71 volte

Opposizione al verbale di violazione c.d.s.

insinuazione_passivo

In merito all’opposizione all’ordinanza-ingiunzione e opposizione al verbale di accertamento di violazione del Codice della strada, la Corte di Cassazione ha affermato che quest’ultimo rimane attribuito alla competenza esclusiva per materia, senza alcuni limite di valore né di natura accessoria alla sanzione, al giudice di Pace nel luogo ove è stata commessa l’infrazione accertata.

I giudici di legittimità chiamati a pronunciarsi osservano che a seguito della riforma legislativa, le nuove disposizioni degli articoli 6 e 7 del Dlgs 150/2011, costituiscono l’unico riferimento per la individuazione del riparto di competenze tra il giudice di pace e il tribunale ordinario. Applicando la normativa richiamata, posto che l’opposizione oggetto del presente giudizio è stata rivolta al verbale di accertamento di violazione del Codice della strada, competente per materia a conoscere la vicenda giudiziale è il Giudice di Pace del luogo ove è stata commessa l’inflazione accertata.

LEGGI LA SENTENZA

 

NOVITà EDITORIALE:

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>