Questo articolo è stato letto 345 volte

Come applicare l’accertamento con adesione e limitare il contenzionso

Il Punto di S. Zammarchi

accertamento

L’istituto dell’accertamento con adesione, disciplinato da D.Lgs. n. 218/1997, costituisce un valido strumento deflativo del contenzioso, grazie alla possibilità di applicare una sospensione di 90 giorni del termine per l’impugnazione giudiziale, al fine di provare a definire in contraddittorio con il contribuente la questione relativa alla violazione contestata. La norma istitutiva di tale procedura non prevede il suo utilizzo in ambito di fiscalità locale, cosicché l’ente che lo volesse applicare deve prevederlo in un apposito regolamento comunale o in una specifica sezione del regolamento delle entrate.
Pertanto, per poter sfruttare questo strumento deflativo del contenzioso, il Comune dovrà disciplinarlo con una propria procedura che faccia riferimento, anche in alternativa, a quanto dettato dalla procedura indicata dal richiamato D. Lgs. n.218/1997. Pertanto, il Comune potrà agire secondo due diverse modalità:
1) procedere con un rinvio passivo alla normativa statale (D,Lgs. n. 218/1997), al fine di recepire automaticamente tutte le disposizioni emanate dal legislatore, con le eventuali modifiche che dovesse intervenire;
2) disciplinare l’istituto in commento, modificando la normativa statale, pur mantenendo la struttura di fondo; in particolare potrà indicare:
a. gli specifici tributi locali a cui applicare l’accertamento con adesione…

Continua a leggere

Scarica il documento: ISTANZA DI ACCERTAMENTO CON ADESIONE A SEGUITO DI NOTIFICA

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>